SMARTPHONE 10 Settembre Set 2014 1211 10 settembre 2014

iPhone 6 e 6 Plus, 7 cose da sapere

Più grandi, più sottili, più veloci. Un concentrato di tecnologia in 129 grammi.

  • ...

Schermi più grandi, profili più snelli, processori più piccoli e più veloci, la possibilità di girare video in hd con autofocus continuo e modalità slow motion, fotografie stabilizzate. Con iPhone 6, Apple ha raddoppiato l'offerta: i due modelli, iPhone 6 e 6 Plus, presentati a Cupertino assieme all'Apple Watch, sono destinati a sbarcare sul mercato statunitense il 19 settembre, con i loro 129 e 172 grammi di peso. In Italia, invece, potranno essere ordinati a partire da venerdì 26, a prezzi più alti rispetto a quelli di molti altri paesi europei. Il modello base varia da 729 a 949 euro, il Plus da 839 fino a 1.059 euro: 60 in più rispetto a Germania e Spagna.
Ecco sette cose da sapere sui nuovi melafonini, segnalate da Vox (foto).

  • Il video ufficiale di presentazione dell'iPhone 6 e 6 Plus.

1. iPhone 6 e 6 Plus: i più grandi e più sottili mai prodotti

Lo schermo dei due nuovi smartphone misura 4,7 pollici nella versione base, 5,5 pollici nella versione Plus. Quello dell'iPhone originale, il capostipite della 'famiglia' nato nel 2007, era grande appena 3,5 pollici.
LO SCHERMO PIÙ GRANDE NELLA STORIA DI APPLE. Per la Mela si tratta di una svolta. Apple ha infatti mantenuto un formato ridotto per molti anni: gli iPhone 3G, 3GS, 4 e 4S avevano tutti la stessa dimensione. Nel 2012, con il lancio dell'iPhone 5, l'azienda ha deciso di mantenere la stessa larghezza, ma lo smartphone è diventato più alto, potendo contare su uno schermo da 4 pollici, rimasto invariato nei modelli successivi 5C e 5S.
L'iPhone 6 rappresenta quindi il modello con lo schermo più grande mai prodotto da Cupertino.
RISOLUZIONE MIGLIORATA. Una dimensione maggiore dello schermo significa una migliore risoluzione, una più elevata qualità dell'immagine grazie all'aumentato numero di pixel a disposizione. Se la linea di iPhone 5 aveva una risoluzione di 640 per 1136 pixel, i nuovi melafonini 6 e 6 Plus si spingono fino a 750 per 1334 e 1080 per 1920 pixel rispettivamente.
SPESSI SOLO 7 MILLIMETRI. Allo stesso tempo, i due nuovi iPhone si annunciano più sottili che mai: essi saranno spessi 6,9 e 7,1 millimetri rispettivamente, contro i 7,6 millimetri dell'iPhone 5S.

2. Lo schermo rimane però più piccolo rispetto ad Android

Rispetto alla concorrenza, tuttavia, gli ultimi smartphone della Mela continuano ad avere schermi più piccoli.
In questo momento uno degli smartphone Android più venduto è il Galaxy S5 della Samsung, che ha uno schermo da 5,1 pollici con una risoluzione di 1080 per 1920 pixel. Il suo fratello maggiore, il Galaxy Note, ha un display da 5,7 pollici, con la medesima risoluzione. Dispositivi ribattezzati phablets, a metà strada tra telefono e tablet, che continueranno ad essere più grandi degli ultimi iPhone 6.

3. iPhone 6 monta un processore A8 da due miliardi di transistor

L'iPhone 6 e il 6 Plus montano un nuovissimo processore progettato dalla stessa Apple, chiamato A8. Dotato di 2 miliardi di transistor, è del 25% più veloce rispetto al precedente A7 nelle attività di elaborazione ordinaria, e del 50% nelle attività grafiche.
MISTERO SULLA BATTERIA. Allo stesso tempo, Apple ha detto che i nuovi smartphone dovrebbero fornire prestazioni leggermente migliori per quanto riguarda la durata della batteria. Il tempo di navigazione in modalità wifi è stato aumentato dalle 10 ore del 5S alle 11 ore dell'iPhone 6, fino alle 12 ore del 6 Plus. Per telefonare soltanto, Apple ha fatto sapere che sarà possibile parlare senza soluzione di continuità per 14 ore con un iPhone 6, e per ben 24 ore con un iPhone 6 Plus, rispetto alle 10 ore della versione precedente.

4. La fotocamera dell'iPhone permette di girare video hd con autofocus continuo

La fotocamera del nuovo iPhone 6 ha introdotto molti miglioramenti rispetto a quella del suo predecessore: un nuovo sensore permetterà di scattare in modalità autofocus due volte più rapidamente Quindi, se si usa la smartphone per fare una foto al volo, sarà molto meno probabile ottenere come risultato un'immagine sfocata.
POSSIBILI VIDEO IN SLOW MOTION. Gli smartphone di sesta generazione rendono possibile anche la realizzazione di video hd con autofocus continuo, e in modalità slowmotion. Sarà infatti possibile girare clip al ritmo di 240 frame al secondo e poi rallentarle, per vederle a una frazione della loro originale velocità di ripresa.
L'ESPLOSIONE DI SELFIE. La fotocamera dell'iPhone 6 permetterà anche di realizzare «burst selfies», un'esplosione di selfie. In altre parole, si tratta della possibilità di scattare più foto in sequenza, con effetto 'mitraglia', per poi scegliere fra loro quella riuscita meglio.
FOTOCAMERA STABILIZZATA. Infine l'iPhone 6 Plus, ma non l'iPhone 6 normale, offre la stabilizzazione ottica dell'immagine. Può capitare infatti che, nel momento in cui si scatta una foto con lo smartphone, leggeri movimenti del braccio provochino una sfocatura. La stabilizzazione dell'immagine rileva automaticamente e compensa questi movimenti, contribuendo a produrre un'immagine nitida.

5. L'iPhone 6 consente il pagamento con Apple Pay

Apple, con il lancio di iPhone 6, ha pensato anche a un modo per intervenire nel campo delle tecnologie e dei sistemi di pagamento digitale tramite supporto mobile. La cosiddetta Near-field communication, in sigla Nfc, non è una tecnologia nuova: su Android è disponibile dal 2010, ma finora non è stata molto diffusa.
SVILUPPATA IN COLLABORAZIONE CON LE BANCHE. Invece di reinventare completamente un sistema di pagamento, Apple ha preferito collaborare con le banche e con le principali aziende di carte di credito, per costruire un sistema che si appoggiasse sulle infrastrutture già esistenti. Per pagare con Apple Pay, sarà possibile usare i dati della carta di credito già presenti nell'archivio dell'account iTunes, oppure aggiungere nuove carte.
APPLE NON TERRÀ TRACCIA DEGLI ACQUISTI. Nel corso della presentazione a Cupertino è stato più volte sottolineato che con Apple Pay il numero della carta usata per pagare è destinato a rimanere sconosciuto al venditore, aumentando la sicurezza della transazione. Inoltre, Apple non terrà traccia degli acquisti effettuati dai clienti, grazie a un «codice di sicurezza dinamico» che dovrebbe consentire un'efficace protezione della privacy: un elemento di forte differenziazione rispetto a Google, Facebook e Amazon, aziende tutte fortemente coinvolte nella profilazione dei loro utenti attraverso la raccolta di informazioni.

6. Funzionalità di rete più veloci e versatili

L'iPhone 6, e il suo fratello maggiore 6 Plus, dovrebbero apportare un paio di miglioramenti significativi rispetto alle capacità di networking dei precedenti smartphone griffati Apple. Innanzitutto, un numero più elevato di frequenze supportate, con 20 diverse bande. Ciò consentirà di operare in più Paesi. In secondo luogo, una tecnica chiamata «carrier aggregation» consentirà l'uso contemporaneo di differenti bande di frequenza, il che dovrebbe portare la velocità complessiva fino a 150 Mbps, il 50% in più rispetto all'iPhone 5S.
CONNETTIVITÀ WIFI FINO A TRE VOLTE PIÙ VELOCE. Anche la connettività wifi ha subito miglioramenti significativi. L'iPhone 6 supporta l'ultimo standard wifi, noto come 802.11ac, che offre una velocità fino a tre volte superiore rispetto all'iPhone 5S.

7. Su iPhone 6 girerà iOS 8, la nuova versione del sistema operativo mobile di Apple

L'ultima versione del software iOS 8 uscirà il 17 settembre, in tempo quindi per essere pre-caricata sui nuovi iPhone. L'aggiornamento ha diverse caratteristiche importanti, come l'ottimizzazione dell'integrazione tra Mac e iPhone, una tastiera più efficente, e l'introduzione di iCloud Drive, un servizio che permetterà agli utenti di salvare qualsiasi tipo di file su un determinato dispositivo e averne una copia sincronizzata automaticamente sulle altre periferiche in loro possesso.

Correlati

Potresti esserti perso