ANIMALI 19 Novembre Nov 2014 0800 19 novembre 2014

Gatti nei cerchi, l'esperimento per intrappolarli

Sentono più sicurezza: perché i mici amano le figure tonde disegnate sul pavimento. Foto.

  • ...

Il vostro gatto si fa le unghie sul divano? Per marcare il territorio fa i bisognini su un tappeto pregiato? È visibilmente agitato?
Stop a tutti questi problemi. I padroni dei mici possono tirare finalmente un sospiro di sollievo.
Basta disegnare, infatti, un cerchio sul pavimento con lo scotch, o disporre cavi, sciarpe e cinture a formare un cerchio per vedere il proprio gatto entrarci in men che non si dica (guarda le foto).

Come spiegato il 19 novembre dal professor Daniel Mills, uno dei massimi esperti in Gran Bretagna del comportamento degli animali, al tabloid Daily mail, i mici sono attratti dalle barriere basse «perché darebbero un senso di sicurezza. Il cerchio è un luogo dove può tranquillamente rannicchiarsi».
«IL GATTO? PREDA, OLTRE CHE PREDATORE». «Per quanto si tenda spesso a sottovalutarlo», ha ribadito Chiara Mariti dell'Avec (Associazione di veterinari esperti in comportamento), «i gatti oltre a essere predatori sono prede». Secondo la docente del master in Etologia clinica veterinaria all'Università di Pisa «il gatto è un animale che ha molta paura e che si stressa facilmente. La delimitazione di uno spazio, che per lui diventa il suo spazio individuale, gli dà probabilmente un senso di sicurezza».
IL FENOMENO DIVENTA VIRALE. Quella forma disegnata a terra «diventa una barriera fisica che gli permette di non entrare in contatto con altri individui. Senza contare che i gatti amano stare nei cassetti o all'interno di scatoloni: più gli spazi sono piccoli e più loro sono contenti, anche perché non sempre gradiscono il contatto con gli altri e l'idea di avere un luogo a loro riservato li alletta».
Incuriositi da queste teorie, molti padroni di gatti hanno provato l'esperimento. E 'impressionati' del risultato hanno postato le foto in Rete.

Tweet riguardo cat circle

Correlati

Potresti esserti perso