Cookies 141124072638
INCHIESTA 24 Novembre Nov 2014 0720 24 novembre 2014

Internet, il business dei cookies che svelano i gusti degli utenti

Arrivano sui nostri pc. E sono milioni. Raccolgono informazioni per le aziende.

  • ...

I cookies sono file che archiviano le informazioni degli utenti durante la navigazione sul web.

Si chiamano cookies (biscotti), ma il nome non deve ingannare. Perché si tratta di strumenti che arrivano dalla Rete sui nostri computer per svelare i nostri gusti: sono infatti in grado di archiviare le informazioni quando navighiamo su internet o usiamo qualche applicazione.
A svelare il grande business dei cookies è un'inchiesta del Corriere della Sera secondo cui le aziende gestiscono milioni di 'biscotti' virtuali per pianificare le campagne pubblicitarie.
INVENTATI NEL 1994. In realtà non si tratta di strumenti nuovi, visto che i cookies hanno di recente compiuto 20 anni.
A inventarli è stato un dipendente di Netscape, il primo browser commerciale, che voleva sviluppare un'applicazione di e-commerce. Poi, però, i 'biscotti' virtuali si sono trasformati, diventando dei robot fagocita dati che oggi conosciamo.
SPIATE ANCHE LE MAIL. Le informazioni che i cookies possono raccogliere sugli utenti sono svariate, anche se la privacy resta protetta perché i nomi sono ignorati. Ma i dati sono prelevati, oltre che dai social network, per esempio anche dalle email, come Gmail e Outlook: in pratica spiano dove noi scriviamo. Niente di illegare, visto che colossi come Google lo spiegano in modo chiaro.
DATI CEDUTI E VENDUTI. Le società che gestiscono i cookies hanno spiegato che la lettura dei dati è automatizzata, cioè fatta dai server.
Tuttavia le informazioni, anche quelle sulle capacità di spesa degli utenti, sono poi condivise con i partner o vendute generando un business enorme.
Per capire quanti 'biscotti' virtuali abbiamo sul computer basta controllare nelle impostazioni. E se non vogliamo farci spiare bisogna fare pulizia. Ogni giorno.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso