Roaming Dati 141217195209
TARIFFE 17 Dicembre Dic 2014 1952 17 dicembre 2014

Roaming dati, fine sovraccosti insostenibile

Analisi Berec: «Significative variazioni in una serie di importanti parametri tra gli Stati membri».

  • ...

L'Ue ha detto no all'abbattimento dei costi di roaming.

Un duro colpo per i viaggiatori con lo smartphone. La fine dei sovraccosti del roaming nell'Ue «non è attualmente sostenibile né fattibile in pratica date le significative variazioni in una serie di importanti parametri tra gli Stati membri», dagli operatori alle tipologie di consumatori.
È la conclusione che è emersa dall'analisi condotta dal Berec, i regolatori tlc Ue.
«La situazione», emersa dallo studio del Berec sulla proposta presentata dalla Commissione Ue 'Roam like at home' (Rlah), «è resa ancora più complessa dalle differenze tra operatori e tra i modelli di comportamento di viaggio dei consumatori all'interno degli Stati membri».
DIFFICILE ANCHE LA RIDUZIONE. Il Berec ha anche preso in considerazione una serie di scenari con l'obiettivo di ridurre i costi e consentire agli utenti di mantenere all'estero le stesse abitudini di consumo che si hanno a casa, ma in ogni caso sono emersi «trade off sostanziali» tra gli obiettivi delle politiche Ue di incentivare i servizi di roaming, la protezione della concorrenza degli investimenti e dei consumatori.
C'è infatti il rischio che, per coprire i costi di chi usa spesso il roaming, in molti casi aumentino le tariffe nazionali a discapito dei consumatori che non viaggiano. «Non c'è», insomma, un «punto giusto» di equilibrio per usare la telefonia e soprattutto il traffico dati all'estero così come a casa.

Correlati

Potresti esserti perso