Istat 140926111724
STATISTICHE 18 Dicembre Dic 2014 1517 18 dicembre 2014

Istat, internet: 22 milioni di italiani non lo hanno mai usato

Il 38,3% della popolazione non ha mai navigato. Il 93,6% delle famiglie ha un cellulare.

  • ...

La sede dell'Istat.

Nel 2014 è aumentata rispetto al 2013 la quota di famiglie che hanno una connessione internet in casa, passando dal 60,7 al 64%. Ma secondo l'Istat ci sono ancora 21 milioni e 994 mila persone che non navigano. Una quota pari al 38,3% della popolazione. «Quasi 22 milioni di persone non hanno mai utilizzato internet», ha precisato l'istituto di statistica nel suo rapporto 'Cittadini e nuove tecnologie' 2014.
L'Italia è in coda tra i Paesi europei anche nella classifica per i cittadini tra i 16 e i 74 anni che hanno utilizzato internet nei tre mesi precedenti l'indagine. Dietro Roma, soltanto Bulgaria e Romania.
ANZIANI E BAMBINI DELLE ELEMENTARI POCO CONNESSI. Tra i quasi 22 milioni di italiani, dai 6 anni in su, che non hanno mai utilizzato internet ci sono soprattutto i più anziani, ma non solo. Tra i meno connessi ci sono anche gli italiani che rientrano nella fascia d'età tipica degli alunni delle elementari. «Le quote maggiori di non utenti si concentrano nelle fasce d'età più anziane e in quelle d'uscita dal mondo del lavoro. La percentuale di non utenti tra i 65 e i 74 anni è del 74,8%, e sale al 93,4% tra gli over 75», ha specificato l'Istat. Aggiungendo però che sono alte «anche le quote di non utenti tra i giovanissimi (1 milione 518 mila tra i 6 e i 10 anni) che, seppur definiti 'nativi digitali', per più del 50% non utilizzano la rete».
CELLULARE TECNOLOGIA PIÙ AMATA. Il telefono cellulare si conferma invece la più amata tra le tecnologie per l'informazione e la comunicazione. Per l'Istat è «ormai presente nel 93,6% delle famiglie». Seguono l'accesso internet da casa (64%), il personal computer (63,2%) e la connessione a banda larga (62,7%). E ancora, il telefono cellulare abilitato alla connessione internet (54%), la macchina fotografica digitale (50,8%), il lettore Dvd/Blu Ray (49,5%).
Meno diffusi, invece, l'antenna parabolica (32,2%), il lettore Mp3/Mp4 (27,5%), la console per videogiochi (19,3%) e il lettore di e-book (6,8%)
STABILE IL DIVARIO SUL TERRITORIO. Nel confronto con il 2013 non solo è aumentata la quota di famiglie connesse, ma anche quella dei nuclei dotati di una connessione a banda larga, passata dal 59,7 al 62,7%. Il divario sul territorio è rimasto stabile: le famiglie del Centro-Nord che dispongono di un personal computer e di un accesso internet da casa sono rispettivamente il 66 e il 66,6%, contro il 57,3 e il 58,3% delle famiglie del Mezzogiorno. Il Sud, inoltre, ha fatto registrare «un forte ritardo anche nella connessione a banda larga: 56,4%, contro il 65,4% del Centro-Nord».
UOMINI PIÙ DIGITALI DELLE DONNE. Continuano a manifestarsi poi differenze di genere nell'uso delle tecnologie digitali. Il 59,3% degli uomini utilizza il personal computer, a fronte del 50,2% delle donne. Naviga su internet il 62,3% degli uomini e il 52,7% delle donne. I maggiori utilizzatori del personal computer e di internet restano comunque i giovani d'età compresa tra i 15 e i 24 anni, rispettivamente oltre l'83 e oltre l'89%. Infine, è risultato in crescita anche l'e-commerce: nel 2014 il 34,1% degli italiani che ha usato internet, lo ha fatto anche per comprare online.

Correlati

Potresti esserti perso