Mark Zuckerberg 130427112912
INIZIATIVA 4 Gennaio Gen 2015 1946 04 gennaio 2015

Facebook, Zuckerberg lancia «l'anno dei libri»

Il fondatore del social network: «Leggerò due volumi al mese, commentateli con me». E apre una pagina ad hoc.

  • ...

Mark Zuckerberg, amministratore delegato di Facebook.

Tra le sfide personali per l'anno nuovo c'era stata in passato quella di «mangiare solo carne di animali uccisi da lui» ma anche di imparare il Mandarino ispirato dalla moglie Priscilla Chan, lingua poi sfoggiata di recente in un incontro con gli studenti in Cina.
Quest'anno Mark Zuckerberg vola alto: trasformare Facebook in un circolo letterario.
SI INIZIA CON LA FINE DEL POTERE. «Leggerò un libro ogni due settimane e lo potremo commentare assieme», scrive in un post ufficiale il fondatore del social network più popolare al mondo.
Primo libro con cui si cimenteranno 'Zuck' e i suoi utenti, un volume non da poco: La fine del potere del politologo Moises Naim. A fine 2014 Zuckerberg aveva chiesto agli iscritti a Facebook di suggerirgli sfide personali per il nuovo anno. È arrivata una valanga di consigli, tra questi molti di tipo letterario.
«QUESTA SFIDA MI EMOZIONA». Così il giovane miliardario ha deciso di farli suoi. «Sono molto emozionato da questa sfida. I libri ti permettono di esplorare e immergerti in nuovi argomenti molto più di quanto oggi non ti consentano i media. Tra le mie intenzioni future c'è proprio quella di far virare la mia dieta mediatica sempre più verso i libri».
Tra i testi su cui si orienterà Zuckerberg ci sono prevalentemente quelli che trattano di «culture diverse, storie, credo e tecnologie».
BOOM DI LIKE PER LA PAGINA DEDICATA. Per discutere dei libri 'Zuck' ha anche aperto su Facebook la pagina A Year of Book che in poche ore ha già raccolto oltre 80 mila like, destinati a crescere.
«Vi aggiornerò su cosa sto leggendo. Potete partecipare liberamente se avete letto lo stesso libro e avete commenti pertinenti da aggiungere. Il gruppo sarà moderato per restare focalizzato su questi argomenti», ha concluso il fondatore di Facebook.

Correlati

Potresti esserti perso