Cina 150130112549
AGRICOLTURA 31 Gennaio Gen 2015 1000 31 gennaio 2015

Cina, il batterio Napoleone debella i fertilizzanti

Novità a Pechino: un bacillo che può rendere il suolo più fertile. Eliminando l'uso di agenti chimici, prima causa di inquinamento dell'acqua. La rivoluzione inizia.

  • ...

da Pechino

La scoperta del batterio Napoleone potrebbe limitare l'uso di fertilizzanti chimici.


Gli scienziati cinesi hanno individuato un tipo di batterio che agisce sui suoli rendendoli più fertili ed efficienti. Questo potrebbe abbassare l'uso di fertilizzanti chimici in agricoltura, una delle cause dell'inquinamento delle acque.
Una ricerca del 2014 ha dimostrato come il 75% di fiumi e laghi e quasi il 60% delle acque sotterranee in Cina sono contaminate.
I fertilizzanti chimici vengono usati in quantità massicce dai contadini cinesi dagli Anni 80.
Il batterio in questione si chiama 'Napoleone' e potrebbe rappresentare uno strumento per velocizzare la produzione agricola mantenendo i costi contenuti.
Ha bisogno di almeno due anni per riprodursi nelle quantità necessarie a fertilizzare i suoli.
«ASPETTA SOLO IL SUO MOMENTO». Ancora è presente in quantità minime sul suolo cinese ma, se diffuso nei campi, potrebbe guidare una rivoluzione contro i fertilizzanti chimici.
Come il generale francese, «aspetta solo il suo momento per dominare».
Così lo presenta Lin Xiangui, a capo dell'equipe scientifica del Chinese Academy of Sciences State Key Laboratory of Soil and Sustainable Agriculture.
Per questo il microrganismo bacillus asahii è stato soprannominato Napoleone.
I risultati di questa ricerca, durata quasi 20 anni, sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Soil Biology and Biochemistry.
NITRATI, LIVELLI ALLARMANTI. Un'indagine dell'Accademia cinese di scienze sociali, il più importante think thank del Paese, ha messo in evidenza come almeno la metà delle acque esaminate sono caratterizzati da livelli allarmanti di nitrati, dovuti in gran parte ai fertilizzanti usati in agricoltura.
Inoltre per la coltivazione intensiva su tutto l'arco dei 12 mesi ne sono necessarie dosi massicce che rendono i terreni ancora più sterili. Un circolo vizioso che bisogna assolutamente interrompere.
Così uno studio del 2010 degli agronomi dell'Università del popolo aveva chiaramente documentato come l'utilizzo dei fertilizzanti chimici doveva essere dimezzato a causa delle problematiche ambientali di cui è causa.

Fertilizzanti per ogni ettaro cinese, il doppio della media mondiale

Uno dei problemi ambientali più gravi in Cina è l'inquinamento.

I dati del ministero dell'Ambiente cinese parlano di 318 chilogrammi di fertilizzante chimico per ogni ettaro di terra coltivata, più del doppio della media mondiale.
Se Napoleone fosse adeguatamente diffuso nei terreni arabili, si impiegherebbero tra i due e i cinque anni per raggiungere gli stessi obiettivi produttivi senza che acqua e suoli vengano containati.
Ma per il momento il bacillus asahii popola il 4/5% del terreno agricolo tipico della Cina settentrionale.
E per dare i risultati sperati dovrebbe essere almeno al 40%.
DA SOLDATO A GENERALE. «Era un signor nessuno quando lo abbiamo trovato», spiega ancora alla stampa Lin Xiangui, «ma l'abbiamo immediatamente promosso da soldato semplice a generale».
Sono molti i ricercatori cinesi a ritenere che la scoperta di Lin e della sua squadre abbia un'importanza nazionale.
Zhang Jiabao del Chinese Academy of Sciences Institute of Soil Science di Nanchino ha dichiarato al quotidiano di Hong Kong South China Morning Post che «oltre una decina di contee agricole della regione dello Henan hanno già iniziato a impiegare i risultati di questo studio per la loro trasformazione organica e hanno ottenuto raccolti impressionanti».
Si è inoltre dichiarato convinto che questo metodo possa «ridurre in maniera sostanziale l'utilizzo di fertilizzanti chimici, risolvendo diverse problematiche ambientali ed economiche».
MA IL RACCOLTO PUÒ ESSERE MINORE. Non tutti però sono dello stesso parere. I fertilizzanti chimici sono rapidi ed economici.
Inoltre il suolo cinese, specie quello della Cina settentrionale, non è particolarmente fertile.
Interrompere l'uso di fertilizzante significherebbe un raccolto minore. Una decisione che impatta la sicurezza alimentare di 1,4 miliardi di persone oltre che la sussistenza di centinaia di milioni di contadini.
E questi ultimi non sono sufficientemente motivati ad aspettare due anni prima che i loro campi diventino produttivi.
È per questo che l'equipe di Lin sta ancora lavorando al progetto. Vuole ridurre i tempi di propagazione del batterio affinché Napoleone possa vincere rapidamente la sua battaglia contro gli inquinanti fertilizzanti chimici.

Correlati

Potresti esserti perso