ANIMALI 17 Marzo Mar 2015 0800 17 marzo 2015

Lamette legate alle zampe: le foto choc dei combattimenti tra galli

Messico, l'appuntamento si tiene ogni anno a Texcoco. I duelli durano 15 minuti. E attirano migliaia di appassionati e scommettitori.

  • ...

Per gli organizzatori è il più grande duello sanguinario tra animali del Messico.
Un appuntamento così importante da attirare nel giro di un mese più di 600 mila visitatori.
È l'annuale combattimento di galli e l'arena è a Texcoco (guarda le foto).
IL ''PESO'' DELLA TRADIZIONE. Una gara che non solo premia i miglior allenatori/allevatori ma vuole anche mantenere vivo e accesso un intrattenimento tipico della tradizione messicana.
Nonostante non siano poche le richieste degli animalisti di vietare questo tipo di lotta perché disgustosa, «quest'anno vogliamo mostrare che la gente ama guadare i combattimenti fra galli», ha spiegato il 17 marzo al tabloid britannico Daily mail la portavoce Rosalinda Benitez.

  • Un incontro del Cockfighting derby 2015 World slasher cup.

PRATICA VIETATA, MA NON IN MESSICO. In molti Paesi del mondo il cockfighting è vietato.
Tuttativa in America latina è ancora praticato: a Cuba per esempio i combattimenti sono molto popolari e si tengono da novembre ad aprile; in Peru si svolgono in speciali gallodromi; e in Messico i luoghi deputati alla lotta sono le palenques.
L'allevamento dei galli si tramanda di generazione e in generazione ed «è un affare di famiglia», ha ricordato l'allenatore Gregory Castillo.
COMBATTIMENTI DI SANGUE. Durante i combattimenti (durano circa 15 minuti) i proprietari mettono i loro galli uno di fronte all'altro all'interno di un gallodromo. Intorno ci sono spettatori, appassionati e soprattutto scommettittori.
Prima della lotta, gli animali vengono tenuti fermi e stimolati a beccare l'avversario. Vengono poi lasciati liberi. La sfida termina quando uno dei due galli muore o cade senza rialzarsi.
La crudeltà dello scontro viene accentuata legando alle zampe dell'animale un'arma (di solito è uno sperone appuntito metallico, un coltello o una lametta), di dimensioni variabili.
L'OPPOSIZIONE DEGLI ANIMALISTI. Una pratica definita «disgustosa» da Leonora Esquivel, leader dell'organizzazione per i diritti degli animali AnimaNaturali. «Stiamo chiedendo al governo di porre fine a quesa crudeltà».
L'aggressività verso i propri simili viene accentuata sottoponendo i galli a dure condizioni di allenamento e isolamento.
Durante l'allevamento (dura circa due anni) i galli vengono inoltre nutriti con sostanze che comprendono steroidi e vitamine.

Correlati

Potresti esserti perso