Jimmy Wales 150721190452
TELCO 21 Luglio Lug 2015 1901 21 luglio 2015

Jimmy Wales lancia una compagnia di telefonia mobile

Debutta negli stati Uniti The People's Operator. In parte social network, in parte compagnia telefonica. Il direttore esecutivo è il fondatore di Wikipedia.

  • ...

Jimmy Wales, fondatore di Wikipedia e direttore esecutivo di The People's Operator.

Tutti conoscono Jimmy Wales in qualità di fondatore di Wikipedia, l'enciclopedia libera più cliccata della Rete. Molti però ignorano la sua nuova avventura: promuovere una compagnia di telefonia mobile con caratteristiche uniche. Un'impresa a scopo di lucro, che però è anche un social network e destina sistematicamente una quota dei suoi profitti in attività di beneficenza.
DAGLI UTENTI DONAZIONI DEL 10% DELLA BOLLETTA. The People's Operator - questo il nome della compagnia - ha debuttato martedì 21 luglio negli Stati Uniti. Il principio su cui si fonda è semplice: gli utenti che aprono un account possono donare il 10% della loro bolletta telefonica all'organizzazione no-profit che preferiscono, purché sia attiva nel campo dell'assistenza e della solidarietà sociale. La compagnia, a sua volta, donerà in beneficenza un quarto dei suoi profitti, mentre il social network di The People's Operator, cui è possibile aderire anche senza sottoscrivere un abbonamento telefonico, promette di essere più trasparente rispetto a siti omologhi come GoFundMe o Indiegogo. E non pretenderà commissioni sui capitali raccolti.
PREZZI COMPETITIVI E NIENTE PUBBLICITÀ. Jimmy Wales, che possiede il 10% di The People's Operator, in un'intervista concessa a Vanity Fair ha spiegato le ragioni che lo hanno spinto a investire nella nuova iniziativa: «I nostri prezzi sono molto competitivi sul mercato. Come facciamo? Semplice: non paghiamo per realizzare spot televisivi, cartelloni pubblicitari, campagne di advertisement... tutte cose che fanno spendere soldi ai nostri concorrenti. Mentre noi investiamo su ciò che ci sta veramente a cuore».
L'intervista completa può essere letta sul sito di Vanity Fair.

Correlati

Potresti esserti perso