Alzheimer 120921131750
LA RICERCA 24 Luglio Lug 2015 1000 24 luglio 2015

Alzheimer, nuovo farmaco contro il morbo

La medicina potrebbe ritardare del 34% la progressione della malattia.

  • ...

Un nuovo farmaco potrebbe ritardare del 34% la progressione dell'Alzheimer in pazienti in uno stadio iniziale della malattia.
Si tratta della molecola solanezumab, i cui effetti sono stati descritti in occasione della Conferenza internazionale della Alzheimer's Association in corso a Washington. I risultati sono stati accolti con cauto ottimismo, in attesa di una nuova fase di sperimentazione nel corso del 2016.
LA MOLECOLA ATTACCA LE PROTEINE DEVIATE. La morte delle cellule cerebrali nei pazienti affetti da Alzheimer è attualmente inarrestabile ma la nuova molecola potrebbe essere in grado di mantenerle vive.
Le terapie attualmente disponibili, infatti, agiscono sui sintomi della demenza, aiutando le cellule cerebrali morenti a funzionare. La nuova molecola, al contrario, attacca le proteine deviate che si formano nel cervello colpito da Alzheimer.

Correlati

Potresti esserti perso