Granchio Nasa 150804172559
ALIENI 4 Agosto Ago 2015 1724 04 agosto 2015

Nasa, il mistero del granchio su Marte

Una foto pubblicata dall'agenzia spaziale americana mostra le rocce del Pianeta Rosso. Ma l'ingrandimento rivela uno strano dettaglio. A forma di granchio. Foto.

  • ...

Un'immagine del pianeta Marte diffusa dalla Nasa nel fine settimana sta facendo fibrillare gli appassionati di forme di vita aliene sui social network (foto).
La foto mostra una formazione rocciosa, accanto a quella che potrebbe essere una sorta di grotta. Fin qui niente di strano. Ingrandendo l'immagine, però, ecco la sorpresa: dalla pietra emerge una forma che ricorda da vicino quella di un organismo vivente. Sembra proprio un granchio.
LA SPIEGAZIONE SCIENTIFICA DEL FENOMENO. Seth Shostak, astronomo e direttore del Center for SETI Research, incaricato di ricercare forme di vita aliene, ha spiegato che in realtà simili 'scoperte' sono piuttosto frequenti: «Ricevo foto come questa ogni settimana. Coloro che me le inviano sono molto emozionati, sostengono che forme del genere somiglino a qualcosa che non ci si aspetterebbe di trovare su Marte», ha detto l'esperto, intervistato dall'edizione americana dell'Huffington Post. «Mi parlano spesso di animali, ma occasionalmente anche di oggetti più bizzarri, ad esempio pezzi di automobile. Forse credono che ci siano automobili su Marte».
IL CERVELLO 'RICREA' FORME NOTE. Il fenomeno ha una spiegazione scientifica, chiamata pareidolia. Si tratta della capacità del cervello di 'riconoscere' una forma in oggetti che in realtà non ne hanno alcuna. Come quando crediamo di scorgere forme animali nelle nuvole. «Lungi dall'essere un difetto visivo, la pareidolia è preziosa per la sopravvivenza. Ad esempio, aiuta a individuare rapidamente un predatore in agguato nella giungla», ha spiegato ancora Shostak. «'Riconoscere' un granchio in un paesaggio roccioso su Marte non è più sorprendente, né più significativo, che vedere un volto ammiccante in un punto e virgola seguito da una parentesi ;)».

Correlati

Potresti esserti perso