Netflix 150930140835
TECNOLOGIA 30 Settembre Set 2015 1400 30 settembre 2015

Netflix in Italia, cosa c'è da sapere sulla internet tivù

Il 22 ottobre sbarca Netflix. Ha un catalogo sterminato online. Film, serie e show. Basta un wi-fi. Costa fino a 11,99 euro al mese. Ciao televisione, c'è lo streaming.

  • ...

Niente live, niente news, niente sport, niente talk show.
Eppure ci sono tutti gli ingredienti perché il trapianto della tivù sul web non soffra di crisi di rigetto.
Dopo mesi di chiacchiere e promesse Netflix, la Rete di internet tivù, è ormai prossima allo sbarco in Italia.
La data è fissata: giovedì 22 ottobre 2015.
E secondo i fondatori Reed Hasting e Marc Randolf ci sono tutte le carte in regola per conquistare gli spettatori offrendo loro un «canale alternativo» al buon vecchio telecomando.
Con un catalogo ampio, visione personalizzata e la stessa semplicità di sempre.
NIENTE COMPLICAZIONI. Il punto sta anche qui: oltre alla bontà dell'offerta di contenuti quella della società americano promette di essere una 'rivoluzione gentile'.
Niente complicazioni e requisiti tecnologici esosi.
Per godersi lo spettacolo basta (almeno questa è la promessa) essere dotati di una normale connessione alla Rete.
«Se vedete Youtube sul computer, allora vedrete anche Netflix», giurano i fondatori.
E dunque ecco una bussola per orientarsi nell'innovazione dello streaming entertainment.

1. Catalogo online sempre disponibile: basta una connessione

Netflix è un enorme catalogo di titoli online.
Serie tivù originali, film, documentari e show che si possono guardare senza dover ricorre a download e che sono accessibili 24 ore al giorno.
Volete chiudervi in casa e succhiarvi tutte le cinque stagioni di Breaking Bad di fila? Con un buon collirio l'unico limite sarà rappresentato dalla vostra resistenza fisica e dagli impegni quotidiani.
E anche questi ultimi sono un ostacolo aggirabile.
INTERRUZIONI E RIPRESE. La visione può essere interrotta e ripresa in qualunque momento su ogni dispositivo collegato al servizio (gli americani lo chiamano binge watching).
Per esempio se dovete prendere un treno potete ricominciare dal punto lasciato sulla tivù e proseguire una volta che vi sarete accomodati al vostro posto sul vagone premendo play sul tablet.
L'unico vincolo è la presenza di una connessione.
Di più: l'abbonamento è sfruttabile anche se andate all'estero nei Paesi in cui Netflix è già sbarcata. E sono più di 50.

Reed Hastings, amministratore delegato di Netflix.

2. Smart tivù, computer, tablet o console: ogni device vale

Dove si possono guardare i contenuti di Netflix?
Be', vi serve una televisione (e le smart tivù sono fatte apposta per questo genere di innovazioni) oppure un computer: lo spettacolo ve lo potete gustare sul monitor o con un semplice cavo Hdmi sullo schermo del televisore, su un proiettore o su qualunque altro strumento analogo.
C'È UNA CHIAVETTA EVOLUTA. Un altro modo per vedere Neflix è ricorrere a Chromecast, chiavetta evoluta che riceve il segnale una volta innestata nella tivù.
Ma potete sfruttare anche una console per videogame (Wii e WiiU, Xbox 360 e Xbox One, Playstation), il lettore Blu-Ray, l'Apple tivù o anche lo smartphone.

3. Quattro abbonamenti: da 7,99 a 11,99 euro al mese

L'iscrizione a Netflix non ha nessun vincolo permanente o rinnovo automatico, ed è questa la differenza con servizi simili (Sky Go, Infinity, Sky On Line).
Ci si attiva via internet (e c'è un mese gratis di prova) e ci si dis-abbona quando si vuole, in tempo reale e senza costi aggiuntivi (e l'operazione può essere ripetuta tutte le volte che si desidera).
La procedura è semplice: ci si collega al sito ufficiale (www.netflix.com) oppure si scarica la App Netflix; si immettono i propri dati; si seleziona il sistema di pagamento et voilà, il gioco è fatto.
PACCHETTI CON TELECOM E VODAFONE. I pacchetti selezionabili sono tre: 7,99 euro per il servizio in qualità standard e su un solo dispositivo, 8,99 euro per il servizio in full Hd e su due dispositivi, 11,99 euro per l'altissima qualità 4K - qualunque cosa sia - e su quattro tivù, o altro, diverse.
Opzione alternativa è accedere attivare il servizio col proprio operatore telefonico: Telecom e Vodafone ('abbonamenti offerti con i piani 4G e Fibra') lanciano Netflix con offerte promozionali e probabilmente con qualche sconto importante. Saldo inserito in bolletta.

Smart tivù, console, Chromecast, tablet e pc: mille modi per vedere Netflix.

4. Streaming 'adattivo': la qualità si tara sulla velocità di connessione

Per godersi lo spettacolo, più la connessione alla Rete è veloce, meglio è.
Ma Netflix non fa troppo la schizzinosa.
I requisiti di banda per accedere al servizio sono di 0,5 megabit al secondo (minimo) e 1,5 Mbps (consigliata).
CONNESSIONE 3.0 MBPS PER LO STANDARD. Per sfruttare appieno le potenzialità del servizio sono suggerite connessioni da 3.0 Mbps per trasmissioni in qualità standard, 5.0 Mbps per quelle in Hd e 25 Mbps per l’Ultra Hd (4k).
Insomma, un wi-fi all'altezza migliora le cose, anche se la ditta è provvista di un marchingegno detto «streaming adattativo» che sceglie un encoding video a seconda della larghezza di banda.
In soldoni: il segnale si adegua e fornisce il miglior livello video per le tue possibilità.

5. L'offerta: serie, documentari e film originali

L'offerta, in costante evoluzione e arricchimento, include alcune serie tivù originali come per esempio Marvel’s Daredevil, Sense8, Bloodline, Grace and Frankie, Unbreakable Kimmy Schmidt.
Entro fine 2015 poi sono attese Narcos, che racconta la storia del traffico di droga del cartello di Pablo Escobar, Club de Cuervos, una commedia che descrive una faida famigliare, Marvel’s Jessica Jones (la seconda di quattro serie Marvel che culminano con la speciale miniserie The Defenders) a novembre e The Crown, sulla storia della Regina Elisabetta, nel 2016.
HOUSE OF CARDS SOLO SU SKY. Le serie cult House of Cards e Orange is the new black dovrebbero invece continuare a essere trasmesse su Sky e Mediaset Premium.
Il catalogo include però documentari affermati come Virunga, Mission Blue e diversi show comici sia in italiano sia in lingua originale.
Per quanto riguarda i film, Netflix in questi anni ha prodotto Beasts of No Nation del regista Cary Fukunaga (True detective vi dice nulla?) che a Venezia ha vinto il premio Mastroianni con il giovanissimo Abraham Attah - il bambino soldato protagonista -, Crouching Tiger, Hidden Dragon The Green Legend, Jadotville e The Ridiculous 6. O il recentemente annunciato War Machine con Brad Pitt, commedia satirica sulla guerra in Afghanistan.

  • Marvel Daredevil, una delle serie tv culto di Netflix.

6. Menù su misura per il mercato italiano: sarà uno dei più ricchi

Darren Nielson, direttore Content acquisition dell’azienda americana, ha spiegato che «quello italiano sarà il lancio più ricco. Il catalogo crescerà col tempo seguendo le richieste del pubblico».
L'80% VIENE DA HOLLYWOOD. Prevista una serie dedicata a Marco Polo, con Pierfrancesco Favino: «L’80% della nostra offerta viene da Hollywood, il resto dagli indipendenti, e tra questi potranno esserci anche prodotti italiani», spiega Nielson.

7. Rivoluzione della visione personalizzata: fino a cinque profili

L’utente può scegliere la lingua, i sottotitoli nonché la tipologia di audio surround.
In una recente conferenza stampa per il lancio del servizio nel nostro Paese, Neil Hunt, chief product officer di Netflix, ha confermato tutto lo sterminato catalogo offerto per l'Italia «è stato doppiato in italiano».
Ed è prevista anche una modalità di ascolto per non vedenti con la narrazione delle scene.
SUGGERIMENTI SU MISURA. Netflix poi consente di creare fino a un massimo di cinque profili personalizzabili in base ai propri gusti.
Il servizio invita l’utente a selezionare in prima battuta tre titoli diversi presenti su catalogo (fra film, serie tivù, documentari e contenuti per bambini) in modo da offrire suggerimenti personalizzati.
Insomma mentre papà guarda Bloodline in soggiorno e mamma segue Chef's Table sul tablet in cucina, i ragazzi (magari in città diverse) stanno incollati a Jessica Jones.
E Netflix promette di suggerire a tutti il prodotto più adatto, grazie a un algoritmo che categorizza i programmi e 'rileva' i comportamenti umani. Insomma, profilati e felici.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso