Tenia Vista Microscopio 151105191556
SCIENZA 5 Novembre Nov 2015 1917 05 novembre 2015

Uomo ucciso dal tumore sviluppato da una tenia

Un 41enne malato di Hiv colpito dalle metastasi scatenate dal parassita.

  • ...

Una tenia vista al microscopio.

Ucciso dal tumore diffuso dalla tenia sviluppatasi all'interno del suo corpo. È la terribile storia di un 41enne colombiano, malato di Hiv e condannato dal cancro provocato dal suo sgradito 'ospite'.
L'inedito caso è stato diagnosticato dalla collaborazione tra i medici della Us centers for desease control e lo Uk's natural history museum.
Gli esperti lo hanno definito un caso «folle» e «inusuale». L'uomo aveva sviluppato un apparentemente canonico tumore ai polmoni e al fegato. Ma esami più accurati hanno rivelato che le cellule cancerose non avevano a che fare con l'organismo umano quanto piuttosto col parassita che aveva proliferato all'interno del suo corpo, dando luogo alle metastasi.
CASO SENZA PRECEDENTI. La novità risiede nel fatto che era finora sconosciuta la capacità delle tenie di sviluppare tumori e tanto meno il fatto che le sue cellule tumorali fossero in grado di spostarsi attraverso il corpo e attaccare gli organi dell’ospite. È la prima volta in cui si osserva una trasmissione delle cellule cancerose da un parassita all’uomo, anche se il paziente in questione era affetto da Hiv e quindi con le difese immunitarie particolarmente abbassate.
CELLULE MOLTO PIÙ PICCOLE. Le cellule erano 10 volte più piccole di quelle umane. Dopo molte analisi si è scoperto che avevano il Dna di una tenia del tipo Hymenolepis nana e che avevano sviluppato un tessuto che non appariva per niente simile a quello della tenia. L’ipotesi dei ricercatori è che la tenia si sia sviluppata all’interno dell’uomo e che poi abbia sviluppato il tumore: quindi le cellule cancerose che ha prodotto si sarebbero diffuse all’interno del corpo moltiplicandosi a discapito di quelle dell’ospite umano.
L'UOMO NON ASSUMEVA FARMACI. Va tenuto conto che la combinazione di infezione da Hiv e parassitosi minaccia milioni di pazienti nel mondo e che, con ogni propabilità, molti casi analoghi sono passati inosservati, confusi all’interno di quadri clinici molto complessi. Il paziente colombiano soffriva da mesi di febbre e tosse e aveva perso peso. Malgrado l’infezione da Hiv gli fosse stata diagnosticata 10 anni prima, non stava assumendo farmaci specifici.
INFETTA 75 MILIONI DI PERSONE. L’Hymenolepis nana è il tipo di tenia più diffusa e infetta quasi 75 milioni di persone nel mondo. La minaccia posta da questo tipo di trasmissione del tumore è quindi reale, ma i medici ancora non sanno come affrontarla, non è chiaro infatti se i farmaci usati contro la tenia possono sconfiggere anche le sue cellule tumorali e nemmeno se lo possa fare qualche trattamento anticancro già esistente.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso