SALUTE 10 Novembre Nov 2015 1214 10 novembre 2015

Cina, l'inquinamento dell'aria è da record

Nel Nord del Paese registrati valori di P.m. 2,5 quaranta volte superiori ai parametri fissati dall'Oms. Le autorità alla popolazione: «Restate in casa». Voli cancellati per la nebbia.

  • ...

Voli cancellati e autostrade chiuse per scarsa visibilità. Non è nebbia: è smog.
'L'apocalisse dell'aria' sta invadendo il Nord-Est della Cina, dove, secondo gli ecologisti, il livello d'inquinamento è il più alto che si sia mai registrato nel mondo.
Ogni anno nel Paese la minaccia del freddo invernale viene combattuta accendendo impianti di riscaldamento talmente inquinanti da rappresentare un pericolo serio e immediato per la salute.
Nelle città del Nord in inverno si raggiungono temperature molto basse, fino ai 33° sotto zero registrati a Shenyang, la metropoli di 8 milioni di abitanti dove il 10 novembre è stato dato l'allarme per i valori record di polveri nell'aria.
Ma anche Pechino, Tianjin e numerosi centri delle province del Liaoning, Hebei, Henan ed Heilongjiang sono avvolte dalla nube tossica grigio-giallastra.
VALORI QUARANTA VOLTE FUORI NORMA. Le particelle P.m. 2,5, dannose per la salute, hanno superato i mille microgrammi per metro cubico: si tratta di un dato quaranta volte superiore al livello massimo stabilito dall'Organizzazione mondiale della Sanità, che fissa a 25 la soglia di particelle considerata accettabile.
Le autorità cittadine hanno invitato i residenti a rimanere al chiuso e hanno chiesto ad alcune fabbriche di chiudere i battenti per ridurre l'inquinamento.
L'ACCENSIONE DEGLI IMPIANTI A CARBONE. La causa principale dello smog sono i vecchi impianti di riscaldamento a carbone che vanno ad aggiungersi nella stagione fredda agli altri due principali produttori di smog nelle città: i veicoli e le fabbriche.
Nel 2013 e nel 2014 la situazione era praticamente la stessa, e ormai i media parlano di “Airpocalypse” quando si riferiscono alla qualità dell'aria cinese.
Persino l'agenzia di stampa Xinhua, normalmente al servizio delle autorità, ha criticato l'amministrazione della città di Shenyang pubblicando le foto della gente che cammina in quella che sembra la più fitta nebbia di Londra.

Mappa dell'World Air Quality Index: i cartellini indicano il livello di inquinamento dell'aria nelle città,  dal verde al marrone.

1,6 MILIONI DI MORTI ALL'ANNO PER INQUINAMENTO. La Cina è una delle regioni più inquinate al mondo. Secondo uno studio dell'agosto 2015 condotto dall'Università di Berkeley, ogni anno nel Paese 1 milione e 600 mila persone muoiono per malattie causate dall'inquinamento dell'aria. Si parla di 4.400 persone al giorno, il 17% di tutti i decessi annui.
Una degli elementi più dannosi è il già citato P.m. 2,5, registrato a livelli record nelle città del Nord. L'Organizzazione mondiale della Sanità avverte che la presenza di questa particolare sostanza, frutto della combustione, è particolarmente dannosa per l'uomo. «C'è una stretta relazione tra l'esposizione a grandi quantità di P.m. 2,5 (e al P.m. 10) e un aumento della mortalità», si spiega sul sito dell'Oms, «al contrario, quando la concentrazione di particelle è ridotta, i rischi per la salute diminuiscono».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso