Tomlinson 160307093611
INTERNET 7 Marzo Mar 2016 0746 07 marzo 2016

Morto Ray Tomlinson, rivoluzionò la comunicazione inventando l'email

Nel 1971 fu il primo a utilizzare i messaggi di posta elettronica. Ma in pochi lo conoscevano. E lui stesso la usava raramente.

  • ...

Ray Tomlinson.

Pochi lo conoscevano, eppure la sua invenzione, nella sua rivoluzionaria semplicità, ha modificato la comunicazione quotidiana di ciascuno di noi.
Considerato tra i pionieri dell'era di internet, il primo a intuire la potenzialità dei messaggi elettronici già nel 1971 e a introdurre l'utilizzo del simbolo @ negli indirizzi mail, Ray Tomlinson è morto all'età di 74 anni, vittima di attacco cardiaco che ne ha causato il decesso.
PREMIATO PIÙ VOLTE. Il programmatore informatico americano era stato insignito di numerosi premi e riconoscimenti, ma i suoi collaboratori lo ricordano come un uomo umile e modesto, che non utilizzava nemmeno tanto spesso le mail.
PRIMO A USARE LA CHIOCCIOLA. È stato il primo a utilizzare il simbolo della chiocciola per indicare che un messaggio deve essere indirizzato a uno specifico computer della Rete, separando il nome del destinatario dal resto.
È noto anche come l’informatico che ha disegnato gli elementi fondamentali della posta elettronica, le categorie di oggetto e del destinatario.
LA PRIMA MAIL NEL 1971. Nato nel 1941, laureato al prestigioso Mit (Massachusetts institute of technology) di Boston, Tomlinson scrisse la prima email nel 1971.
Progettò il programma in gran segreto, senza dire nulla ai suoi capi, mentre lavorava ad Arpanet, la rete a disposizione di ricercatori e militari che avrebbe aperto la strada a internet.
SCAMBIO DI STRINGHE DI TESTO. Non ci sono prove della prima mail inviata, ma Tomlinson ha più volte spiegato che si trattava soltanto di stringhe casuali di testo. «La prima email è completamente da dimenticare... e, di conseguenza, è andata dimenticata», disse una volta. »Probabilmente si trattava di QWERTYUIOP (le prime lettere della tastiera) o qualcosa del genere».
In un’intervista a Verge nel 2012 ricordò che, all’epoca della sua invenzione, il mondo della messaggeria era alla preistoria: erano poco diffuse le segreterie telefoniche, motivo per cui quasi nessuno poteva «lasciare un messaggio». La sua idea, tuttavia, trovò piena applicazione solo diversi anni più tardi. Nel 2012 fu inserito nella Walk of fame di internet, una sorta di museo virtuale per conoscere le figure che hanno dato un contributo straordinario alla materia.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso