LIfestyle 27 Aprile Apr 2016 1213 27 aprile 2016

Smartphone e tablet, così ci estraniano dal mondo

Eric Pickersgill fotografa persone concentrate sul proprio telefono, per poi rimuoverlo dagli scatti (foto). 

  • ...

Passiamo più tempo a guardare lo schermo che a guardarci negli occhi. Non è una novità: basta alzare la testa durante un qualsiasi viaggio in treno per scoprire che nessuno ci sta osservando, ognuno assorbito dal tweet gioco messaggio di turno. Eric Pickersgill, fotografo statunitense, ha osservato questo comportamento in molti individui, in particolare coppie o famiglie, ideando il progetto Removed (guarda le foto).
FOTO SENZA SMARTPHONE. L'idea è cogliere i momenti che dedichiamo allo smartphone o al tablet, per poi rimuovere il dispositivo dagli scatti. Il risultato è il ritratto di un'umanità alienata e scontenta, disinteressata al mondo e alla realtà. Lo smartphone influenza la nostra gestualità a tal punto che ormai è parte del nostro corpo: senza, sembra manchi una parte di noi.
Dopo aver guardato queste foto, qualcuno alzerà le spalle liquidando il tutto con un beh, che ci possiamo fare; qualcun altro si infiammerà, macchinando propositi per disfarsi del telefono e darsi all'eremitaggio; presto, ce ne dimenticheremo. Le immagini si mescoleranno a quelle che ci piovono addosso tutti i giorni, fra uno scandalo e l'altro, fra un selfie e un meme. Però è triste.

Correlati

Potresti esserti perso