Gruppo Migranti 160503195503
PREVISIONI 3 Maggio Mag 2016 1755 03 maggio 2016

Migranti, l'esodo da Africa e Medio Oriente per la febbre del pianeta

Entro il 2020 50 milioni di profughi climatici attesi sulle coste dell'Europa.

  • ...

Un gruppo di migranti.

In fuga dalle guerre e dalla povertà, ma non solo.
Tra qualche decennio i migranti fuggiranno anche da terre invivibili, troppo aride per essere coltivate, con un'aria troppo afosa da respirare. Dal Nord Africa e dal Medio Oriente, una fetta del mondo che ospita 500 milioni di persone, metterà in moto un nuovo esodo verso settentrione che farà pressione sulle coste europee.
ENTRO IL 2020 50 MLN DI PROFUGHI. Colpa del cambiamento climatico che sta facendo salire la febbre al pianeta. Secondo l'Onu, già entro il 2020 la desertificazione creerà 50 milioni di profughi climatici. Ma i numeri potrebbero essere ben più elevati se si guarda a come sarà il termometro in un futuro meno prossimo.
INCREMENTO DI 4 GRADI. I ricercatori tedeschi dell'istituto Max-Planck, insieme ai colleghi ciprioti, hanno cercato di delineare gli scenari possibili e si sono trovati davanti un quadro tutt'altro che roseo. Anche se l'aumento della temperatura globale fosse mantenuto entro i due gradi rispetto al livello preindustriale - che è l'obiettivo fissato a livello internazionale al summit Onu di Parigi sul clima di dicembre - in aree del Medio Oriente e del Nord Africa l'incremento sarebbe di almeno 4 gradi.
MAI SOTTO I 30 GRADI. Entro la metà del secolo, hanno calcolato gli esperti, in estate il termometro non scenderebbe mai sotto i 30 gradi di notte, raggiungendo anche i 46 gradi di giorno. Alla fine di questo secolo la temperatura nelle giornate più calde potrebbe salire fino a 50 gradi. Altra minaccia alle popolazioni locali sono le ondate di calore, più intense ma anche più lunghe. Tra il 1986 e il 2005 le giornate molto calde sono state in media 16 all'anno, ma già nel 2050, stando alle previsioni degli scienziati, se ne conteranno 80 ogni anno. Nel 2100 il caldo anomalo potrebbe farsi sentire per 118 giorni, cioè per quasi quattro mesi all'anno.
MINACCIA TEMPESTE DI SABBIA. Nel frattempo l'aria si farà sempre più satura di polveri sottili: in Arabia Saudita, in Siria e in Iraq la presenza di polveri desertiche nell'atmosfera è già aumentata del 70% dall'inizio di questo secolo, portata dalle tempeste di sabbia che sono destinate a imperversare in modo crescente. «Il cambiamento climatico peggiorerà in modo significativo le condizioni di vita in Medio Oriente e Nord Africa», hanno avvertito i ricercatori. «Ondate di calore prolungate e tempeste di sabbia del deserto possono rendere alcune regioni inabitabili, cosa che ovviamente contribuirà alla pressione migratoria».

Correlati

Potresti esserti perso