Isole Salomone 160510202039
CLIMA 10 Maggio Mag 2016 2021 10 maggio 2016

Innalzamento oceani, cinque atolli scomparsi nel Pacifico

Si sono inabissate nelle Salomone. Prime vittime dell'innalzamento degli Oceani. A rischio tutta l'area.

  • ...

Una veduta aerea delle Isole Salomone.

C'erano una volta cinque isole. Cinque piccoli atolli corallini nell'Oceano Pacifico. C'erano una volta, ma sono state inghiottite dal mare e dal suo innalzamento causato dal cambiamento climatico.
Facevano parte delle Isole Salomone, una nazione insulare composta da un migliaio di atolli e isolotti a Est della Papua Nuova Guinea.
TRA 7 E 10 MM L'ANNO. Qui, spiega il team australiano di ricercatori che ha documentato l'accaduto, negli ultimi 20 anni il mare si è alzato tra i 7 e i 10 millimetri all'anno, tre volte di più della media mondiale.
Ma è solo un'anticipazione del destino che toccherà in buona parte del Pacifico nella seconda metà del secolo, a meno che nel mondo non si ponga un argine alle emissioni di gas serra.
Le cinque isole sommerse, grandi da 1 a 5 ettari, non erano abitate. Ma esistono altre sei isole ampiamente compromesse dall'erosione costiera, e su due interi villaggi sono andati distrutti costringendo le popolazioni locali a trasferirsi altrove.
A NUATAMBU INGHIOTTITE 11 CASE. Una di queste isole è Nuatambu, che ospita 25 famiglie: dal 2011 ad oggi per colpa dell'acqua ha perso 11 case e la metà della sua area abitabile. I numeri sono piccoli, finora, ma l'intero arcipelago delle Salomone conta 640 mila abitanti, e se finisse sott'acqua si innescherebbe un esodo climatico.
L'indagine, hanno spiegato gli studiosi, è «la prima evidenza scientifica che conferma i numerosi racconti provenienti da tutto il Pacifico sui drammatici impatti del cambiamento climatico».
Racconti che nel dicembre 2015 sono approdati in Europa, a Parigi, per il vertice Onu sul clima in cui i piccoli Stati insulari si sono battuti per fissare obiettivi climatici ambiziosi, in grado di contenere l'aumento della temperatura mondiale entro 1,5 gradi centigradi ed evitare che lo scioglimento dei ghiacci faccia salire così tanto gli oceani da sommergere interi arcipelaghi.
SERVONO DIGHE E DESALINIZZATORI. Il 22 aprile 2016 i governanti delle Isole Salomone, insieme ad altri 11 Stati insulari, sono volati a New York per prendere parte alla cerimonia della firma dell'accordo di Parigi nel quartier generale delle Nazioni Unite.
La speranza, e la scommessa, è che i Paesi occidentali non solo taglino le emissioni di CO2 per limitare il riscaldamento terrestre, ma che mettano anche soldi e tecnologie - dalle dighe ai desalinizzatori - a disposizione dei Paesi vulnerabili, come previsto dall'intesa, per aiutarli a fronteggiare le conseguenze del cambiamento climatico.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso