ASTRONOMIA 30 Giugno Giu 2016 1316 30 giugno 2016

Asteroid day, le cose da sapere

Si celebra il 30 giugno in tutto il mondo. La giornata è nata per sollecitare la ricerca dei corpi celesti che possono minacciare la Terra. E ricordare il disastro di Tunguska.

  • ...

Accadde il 30 giugno del 1908 in Siberia e fu il più grande impatto mai registrato sulla Terra con un asteroide. La sua potenza fu equivalente a 100 tonnellate di tritolo e devastò una superficie di circa 2 mila chilometri quadrati. È passato alla storia con il nome di evento di Tunguska e dopo 108 anni tutto il mondo lo ricorda celebrando la seconda edizione dell'Asteroid day. Tra i promotori dell'iniziativa c'è anche Brian May, il chitarrista dei Queen, che nel 2008 ha conseguito un Dottorato di astrofisica all'Imperial College di Londra (foto).
EVENTI IN TUTTO IL MONDO. Gli eventi sono moltissimi e sono diffusi su tutto il pianeta, dal Cile alla Spagna, dagli Stati Uniti alla Corea del Sud, con l'Italia nella veste di Paese coordinatore. Obiettivo principale è informare le persone sugli asteroidi e sollecitare i governi a finanziare la ricerca per aumentare la sorveglianza dei cosiddetti Neo (Near Earth Objects), gli asteroidi più vicini alla Terra.

Cinque cose da sapere sugli asteroidi

1. Il significato del nome: simile a una stella

Il nome «asteroide» deriva dal greco e significa «simile a una stella». Fu coniato nel 1802 dall’astronomo J. F. W. Herschel.
Gli asteroidi sono corpi celesti simile a un pianeta sotto il profilo della composizione, ma più piccoli e di solito non sferici. Si pensa che siano residui del disco protoplanetario, non incorporati nei pianeti al momento della formazione del Sistema solare. Gli asteroidi composti per la maggior parte di ghiaccio si chiamano comete. Brian May spiega: «Gli asteroidi sono come antichi mattoni, che raccontano le origini del nostro sistema solare. Alcuni hanno orbite potenzialmente pericolose che siamo in grado di prevenire».

2. Ogni anno ne vengono scoperti 1.000

Il gruppo promotore dell'Asteroid day, attraverso la dichiarazione 100X, auspica un aumento del 100% del tasso di scoperta annuo degli asteroidi che possono avvicinarsi alla Terra. Attualmente ne vengono individuati circa 1.000 ogni anno. Si stima che siano oltre un milione, ma gli scienziati ne conoscono soltanto 15 mila circa. Fra questi, 1.000 hanno un diametro di almeno un chilometro. Un impatto con loro sarebbe catastrofico. Il meteorite più grande mai ritrovato sulla Terra pesa circa 60 tonnellate e si trova in Namibia, dove cadde 80 mila anni fa.

3. La probabilità di un impatto è 1/700.000

Nel 2014 il professor Stephen A. Nelson ha stimato che la probabilità di morire a causa di un impatto diretto o indiretto tra un asteroide e la Terra è pari a 1/700.000. Un'eventualità piuttosto remota. Eppure, il 15 febbraio del 2013, l'asteroide 2012 DA14, con un diametro superiore ai 50 metri e un peso di 130 mila tonnellate, è passato a 'soli' 27 mila chilometri dalla Terra, più vicino dei satelliti per le telecomunicazioni, che orbitano a circa 36 mila chilometri. Se avesse colpito la Terra avrebbe provocato un’esplosione pari a una bomba atomica da 2,4 megatoni, 150 volte più potente di quella sganciata su Hiroshima.

4. Il disastro di Tunguska: come un terremoto

Nel caso dell'evento di Tunguska, l’asteroide non arrivò a colpire la superficie terrestre, ma si disintegrò nell’atmosfera, a circa 10 chilometri di quota. L’esplosione fu comunque devastante e visibile a 700 chilometri di distanza. L’oda d’urto fu simile a quella di un terremoto di quinto grado della scala Richter.

5. L'incontro ravvicinato più recente: ancora in Russia

L'incontro ravvicinato più recente con un asteroide riguarda ancora il territorio della Russia, quando la meteora di Čeljabinsk (circa 15 metri di diametro e 10 mila tonnellate di massa) ha colpito l'atmosfera alla velocità di 54 mila chilometri orari. Il corpo celeste si è frantumato sopra la città russa di Čeljabinsk, da cui ha tratto il nome. Non sono caduti frammenti sui centri abitati, ma l’onda d’urto dell’esplosione ha mandato in pezzi migliaia di vetri, che hanno ferito più di 1000 persone.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso