Mare
10 Gennaio Gen 2017 2119 10 gennaio 2017

Lo stop ai gas serra non fermerà l'innalzamento del mare

Gli oceani trattengono il calore per secoli, e, secondo uno studio del Mit, anche se riuscissimo ad azzerare le emissioni il livello della acque continuerebbe a salire.

  • ...

Quando l'umanità riuscirà ad azzerare le sue emissioni di gas serra, il livello del mare continuerà imperterrito a salire per secoli e secoli, minacciando piccole isole e grandi città costiere da New York a Shanghai. Primo colpevole è l'anidride carbonica, ma i gas considerati più innocui perché più veloci a togliere il disturbo dall'atmosfera, come il metano, non sono innocenti. L'ennesima brutta notizia in campo ambientale arriva da uno studio del Massachusetts Institute of Technology (Mit).

IL LIVELLO DEL MARE CONTINUERÀ A SALIRE. Armati di modelli climatici, gli esperti confermano gli esiti di indagini precedenti arrivando a calcolare che, una volta interrotte le emissioni di Co2, il riscaldamento e l'innalzamento del mare a loro associati proseguiranno per mille e più anni. Il risultato non stupisce poi molto se si considera che l'anidride carbonica, quando esce da ciminiere e tubi di scappamento, resta in atmosfera per oltre 200 anni.

L'«INERZIA DEGLI OCEANI». Più sorprendenti sono gli effetti del metano: sebbene permanga nell'atmosfera solo per una decina d'anni, i suoi effetti sulla crescita degli oceani, sostengono i ricercatori, proseguono per diversi secoli. La causa di un mare che sembra "non dimenticare" e non perdonare le azioni dell'uomo, spiegano gli scienziati, è «l'inerzia degli oceani». Nel momento in cui il termometro del Pianeta sale a causa dei gas serra, le acque si scaldano e quindi si espandono, facendo innalzare il livello del mare.

IL CALORE TRATTENUTO PER CENTINAIA DI ANNI. E una volta che il calore finisce sott'acqua, nelle correnti oceaniche, impiega centinaia di anni per uscirne ed essere dissipato. «Nell'oceano il calore scende sempre più in profondità determinando una continua espansione termica», evidenziano i ricercatori. La fuoriuscita di questo calore dal mare, e dunque il raffreddamento, «è un processo molto lento, che dura secoli».

Correlati

Potresti esserti perso