Test Dna
IN EDICOLA 26 Febbraio Feb 2017 0955 26 febbraio 2017

Alla fiera dei test genetici più oroscopi che scienza

Più portati per la musica o il disegno? Per lo sport o le lingue? L’analisi del Dna viene usata non solo per prevedere il rischio di Alzheimer, ma anche per altro. L'articolo di Pagina99.

 

  • Antonino Michienzi
  • ...

Andrea ha quasi quattro anni. Un’età in cui un padre comincia a chiedersi come dare valore al suo tempo. È inutile nasconderlo: pur senza volerlo infilare nel tritacarne degli impegni post-scolastici, in una società iper-competitiva la scuola non basta ed è bene cominciare presto a dargli qualche arma in più. La scelta non è semplice. Si tratta di indirizzarlo senza forzarlo, di svelare possibilità senza imporle. Musica? Sport? E che sport? Lingue?

IL DESTINO SCRITTO NELLA SALIVA. Finché non scopro che per genitori come me c’è già chi fornisce risposte confezionate in un pacchettino grande poco più di un libro. È un’azienda singaporiana con sede anche negli Stati Uniti che per 2 mila dollari americani può rivelare i migliori talenti innati di tuo figlio. È creativo? Propende per l’immaginazione o per l’analisi? È più portato per la musica o per il disegno? I suoi muscoli lo rendono più prestante negli sport di durata o in quelli di sprint? Le risposte a 46 quesiti sulle caratteristiche di mio figlio stanno tutte lì: in un suo campione di saliva che l’azienda (MapMyGene) analizza estraendone il Dna.

COME TEST D'AMORE SU RIVISTE DI TERZ'ORDINE. Dall’analisi potrò anche sapere quanto è a rischio depressione, se è più prudente o più propenso ad assumere rischi, se è socievole, riflessivo, emotivo. Se arrivato all’adolescenza andrà in cerca di relazioni romantiche e stabili o passerà da una ragazza all’altra come un’ape. Benvenuti alla nuova fiera dei test genetici. Più oroscopi che strumenti medici. Più test dell’amore da riviste di terz’ordine che indagini diagnostiche. Soprattutto un mercato in continua espansione.

ANALISI DEL DNA LOW COST: MERCATO FLORIDO. Da quando i costi per l’analisi del Dna si sono abbassati non si contano più le aziende che si sono tuffate in questo nuovo settore. Tra le preoccupazioni di medici e bioeticisti, all’inizio in molti credevano che il futuro ci avrebbe visti impegnati ad analizzare il nostro genoma alla ricerca della nostra suscettibilità alle malattie. È bastato poco per rendersi conto che non sono in tanti a voler sapere se tra 10 anni dovranno combattere con il cancro, o se poco più in là l’Alzheimer si mangerà un po’ alla volta le memorie di una vita.

Se mercato dei test ci deve essere, deve puntare a un capriccio, a un piacere, a un’emozione

Le aziende hanno capito che se mercato dei test ci deve essere è ad altro che deve puntare. A quello a cui la pubblicità punta da un secolo: a un capriccio, a un piacere, a un’emozione. Così, anche il mercato dei test genetici ha virato. E basta guardare le loro confezioni per accorgersene.

TEST PER SCOPRIRE LA SALUTE DELLA PELLE. Quella di Pathway Genomics sembra contenere una crema di bellezza. Per 200 dollari offre un’analisi dei geni che svolgono un ruolo nella salute della pelle. Ma soprattutto nella sua bellezza: l’elasticità, la propensione alla cellulite, la suscettibilità ai danni del sole, i suoi bisogni nutrizionali. Il messaggio è chiaro: conosci la tua pelle se vuoi mantenerla bella e giovane.

PER SCOPRIRE COME PERDERE PESO. A guardare il pacchetto che contiene il test offerto da DNAFit (per 319 dollari) pare di prendere in mano uno smartphone. Risponde al bisogno di chi passa da una dieta all’altra senza riuscire a perdere un etto. Offre un’analisi del DNA che fornisce dati sulla risposta dell’organismo ai carboidrati e ai grassi, sulla tolleranza al lattosio e sul fabbisogno di vitamine. Il cliente si ritrova perfino le ricette per 12 settimane di dieta e una lista della spesa basata sulle caratteristiche genetiche.

O PER SAPERE QUAL È IL NOSTRO VINO. E c’è anche chi ha cercato di intercettare il nuovo corso del mercato del vino. Dal momento che ciascuno di noi ha peculiari sfumature di percezione degli odori e dei sapori, l’azienda Vinome (fortunata crasi dei termini Vino e Genome) garantisce di poter abbinare le caratteristiche personali a quelle di specifiche tipologie di vino per offrire la migliore esperienza enologica possibile. Insieme ai risultati del test, a casa del cliente arrivano anche un paio di bottiglie di vino prodotto da selezionate aziende californiane.

L'homepage di GenePartner, che misura la compatibilità genetica all'interno di una coppia.

E poi programmi di fitness personalizzati. Oppure test della compatibilità tra partner, offerti come servizio complementare nei siti di incontri online. «Ci sono due importanti aspetti in ogni relazione romantica», spiega sul proprio sito la tedesca GenePartner. «La compatibilità sociale (l’età, il livello educativo, lo humor, gli obiettivi nella vita, gli interessi) e la compatibilità biologica che assicura una “buona chimica” e alte probabilità di successo per una relazione di lunga durata. Sta agli organizzatori di incontri e ai siti di appuntamenti analizzare in maniera competente i fattori di compatibilità sociali. GenePartner offre un’accurata analisi della compatibilità biologica tra due persone».

VENDUTI COME FOSSERO APP. Così i test genetici si stanno proponendo come nuovo business. Quanto sia ampio al momento è impossibile dirlo: è un mercato giovane e non esistono dati. Di certo fa gola. Lo ha capito Illumina, l’azienda leader nella produzione di macchine per il sequenziamento del Dna che ha copiato la fortunata strategia inaugurata da Apple nel 2008. Pochi mesi dopo l’introduzione del primo iPhone, l’azienda di Cupertino aprì il suo app store on line, un catalogo di applicazioni sviluppate da terzi che moltiplica le potenzialità dello smartphone,ma soprattutto la sua appetibilità sul mercato. Allo stesso modo Illumina nell’agosto 2015 ha investito 100 milioni in Helix, una piattaforma pensata per vendere test genetici come fossero app.

COSÌ SI SCOPRONO ANTENATI E PARENTI LONTANI. Per ora lo store è scarno. Ha iniziato il National Geographic proponendo Geno 2.0, un test che ricostruisce la storia etnica del cliente: da che popolazioni discende, che spostamenti fecero gli antenati, in che modo si sono incontrati dando vita a quella singolarità che è ogni individuo. Un servizio analogo a quello offerto da 23andMe, che tuttavia nel pacchetto aggiunge un’opzione. Forte di un database di oltre 1 milione di clienti che hanno già eseguito il test, consente di rintracciare lontani parenti in giro per il mondo. E così i test genetici si avvicinano a Facebook. O forse più a Carràmba! Che sorpresa.

Questo articolo è tratto dal nuovo numero di pagina99, '"il nuovo ordine di Putin è la fine dell'Occidente" , in edicola, in digitale e in abbonamento dal 25 febbraio al 3 marzo 2017.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati