Fastweb Niente Sarà Come Prima
8 Maggio Mag 2017 1451 08 maggio 2017

Fastweb punta al mercato del mobile ma con innovazione

Semplice, chiaro, libero. Questi i pilastri su cui si fondano le nuove offerte della compagnia leader nel mondo della telefonia.

  • ...

Niente sarà più come prima! Questo il motto con cui Fastweb si appresta a rivoluzionare il mondo della telefonia mobile. Lo fa attraverso un piano di offerte caratterizzate dalla massima trasparenza oltre che dall’eliminazione degli extra costi spesso addebitati sulla bolletta all’insaputa dell’utente. L’azienda guidata da Alberto Calcagno compie così un passo decisivo verso la trasformazione in operatore pienamente convergente.

Tre sono i pilastri su cui si fonda l’offerta di telefonia mobile «radicalmente innovativa: trasparenza, libertà, senza limiti», spiega l’amministratore delegato Calcagno. Attraverso il nuovo piano telefonico per smartphone e tablet, Fastweb abolisce i costi di funzioni come «la segreteria telefonica, il servizio ‘Richiamami’ o il controllo del credito residuo. Inoltre anche lo scatto alla risposta diventa gratuito».

Ma Fastweb non sembra volersi fermare qui: «Vogliamo provare a diventare operatori di spicco anche nel mondo del mobile. Per questo abbiamo studiato un piano di offerte estremamente concorrenziale con il preciso intento di crescere in utenza e servizi», ha aggiunto Calcagno. Si legge anche in questo senso la scelta di abbattere i costi previsti in caso di superamento dei minuti voci e dei Giga inclusi nell’abbonamento considerati tra i più bassi del mercato.

La rivoluzione dell’azienda leader nel mondo dei servizi telefonici è orientata anche ad eliminare i tradizionali vincoli di durata. Una scommessa resa possibile a un piano tariffario ad hoc studiato sia per l’Italia sia per l’estero coinvolgendo 50 destinazioni internazionali senza l’obbligo di sottoscrivere opzioni e offerte specifiche. «Vogliamo dimostrare che è possibile presentare concretamente un servizio di nuova generazione, completo e a valore aggiunto avendo certezze dei costi e, soprattutto, senza rinunciare alla qualità. Proprio come abbiamo fatto 18 anni fa sul mercato del fisso. E vi posso garantire che da lunedì 8 maggio niente sarà più come prima», ha aggiunto a conclusione Calcagno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso