Generic Shutterstock Drugs Pills 500X270
30 Luglio Lug 2017 1600 30 luglio 2017

Medicina: farmaci oppioidi, molti benefici niente dipendenza

Negli Usa è in via di sperimentazione un antidolorifico che riduce al minimo il rischio di abusi. Un fenomeno che nel Paese coinvolge 2 milioni di persone. L'articolo di pagina99.
 

  • ...

Quattro anni fa aveva annunciato l’avvio di ricerche per testare antidolorifici oppiacei che non dessero dipendenza ai pazienti. Adesso Nektar Therapeutics sta realizzando un nuovo farmaco che utilizza la chimica dei polimeri e che sembra funzionare. L’azienda biotech di San Francisco ha pubblicato i risultati di uno studio che dimostrerebbero come il farmaco oppioide NKTR-181, ancora in corso di sperimentazione (è alla fase III), fornisce sollievo ai pazienti con dolore cronico alla schiena riducendo al minimo il rischio dell’abuso di farmaci oppiacei, un fenomeno che solo negli Stati Uniti coinvolge 2 milioni di persone.

PILLOLA ANTI-ABUSO. Finora i produttori di ossicodone (ribattezzato negli Usa “hillbilly heroin”) e di altri farmaci oppiodi hanno provato a evitare gli abusi producendo pillole capaci di resistere alla frantumazione per farne polvere da sniffare, ma senza successo, perché i clienti sono sempre riusciti a trovare il modo per estrarne il principio attivo. Il nuovo farmaco che Nektar sta sviluppando, spiega il coordinatore della ricerca Stephen K. Doberstein, crea un legame covalente tra degli eteri, delle catene di glicole polietilenico, e la struttura a cinque anelli della morfina. La molecola che ne deriva passa dal sangue al cervello in maniera lenta, evitando l’effetto sballo che attira coloro che abusano di questi farmaci, e ha una struttura chimica più stabile delle pillole oggi in commercio, fatto che rende arduo tentare di estrarne il principio attivo.

Questo articolo è tratto dal nuovo numero di pagina99, "2017, l'anno della rivolta contro Google e Facebook", in edicola, digitale e abbonamento dal 28 luglio al 3 agosto.

Presto i due giganti si impossesseranno del 50% dell’advertising digitale. Ma ora grandi aziende, editori e telecom non...

Geplaatst door Pagina99 op donderdag 27 juli 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso