SOLAR STORM
6 Settembre Set 2017 2107 06 settembre 2017

Sole, eruzione record: la più forte dal 2008

La prima bolla di plasma è arrivata sulla Terra e sta disturbando le comunicazioni radio nelle regioni polari. La seconda bolla, più intensa, è attesa per l'8 settembre.

  • ...

Colpo di coda da record per il Sole, che si sta avviando verso quella che gli scienziati hanno chiamato la sua "fase di quiete". L'eruzione più intensa degli ultimi 11 anni ha scatentato una doppia tempesta magnetica che sta raggiungendo il nostro pianeta. La bolla di plasma emessa dalla stella il 4 settembre ha colpito la Terra il 7 settembre, alle 5 ora italiana, e sta disturbando le comunicazioni radio nelle regioni polari. Mentre per l'8 settembre è previsto l'arrivo di una seconda nube di particelle.

«Quella in corso è una tempesta magnetica di moderata intensità», ha spiegato Mauro Messerotti, ricercatore dell'Osservatorio di Trieste dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. Mentre la tempesta attesa per l'8 settembre dovrebbe essere più intesa. Secondo le previsioni del Noaa sarà di classe G3, in una scala che va da 1 a 5. Secondo Messerotti potrebbe causare disturbi e black out alle comunicazioni radio nelle regioni polari, ma anche a latitudini più basse. Inoltre si potrebbero verificare problemi all'elettronica dei satelliti.

L'ATTUALE CICLO È COMINCIATO NEL 2008. L'eruzione solare che si è verificata, in ogni caso, è la più intensa dell'attuale ciclo di vita della nostra stella. Un fenomeno simile era avvenuto nel 2006, alla fine del ciclo precedente. Il Sole è giunto alla fine del suo ciclo di attività, lungo in media 11 anni, che equivale al periodo che intercorre tra la fase di minima attività e quella successiva. L'attuale ciclo è cominciato nel 2008, e la sua fine è attesa per il 2018-2019.

http://i.dailymail.co.uk/i/gif/2017/09/cme.gif

«Fenomeni di questo tipo, chiamati tecnicamente brillamenti, non sono insoliti in questa fase, ma generalmente sono isolati», ha spiegato Messerotti. In questi giorni, invece, sono stati ravvicinati. Tutti sono dovuti alla riconnessione delle linee del campo magnetico e consistono nel rilascio di una enorme quantità di energia nella parte più esterna dell'atmosfera solare, cioè la corona, e nella fascia che si trova sotto, cioè la cromosfera.

ERUZIONE MENO INTENSA IL 7 SETTEMBRE. Un'altra eruzione è avvenuta alle 12.15 del 7 settembre, leggermente meno intensa delle due precedenti. Il fenomeno ha prodotto lampi di raggi X e ultravioletti che hanno già colpito la Terra e hanno causato un black out nelle comunicazioni radio nelle regioni polari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso