Buco Aereo
13 Settembre Set 2017 1409 13 settembre 2017

A cosa serve il forellino nei finestrini degli aerei?

Ci avete mai fatto caso? Nei finestrini degli aerei c’è un forellino che per molti risulta inquietante. Ma quello che dovete sapere è che ha una funzione fondamentale e una piacevole. E no, non è una presa d’aria.

  • ...

Che bello viaggiare, prendere un aereo e volare lontano. Certo, molte persone hanno paura che possa succedere un qualche disastro, ma tranquilli, le statistiche sono dalla parte dei viaggiatori. In percentuale sono di più le vittime per incidente stradale, di quelle degli schianti di velivoli. Detto ciò, i globetrotter sicuramente ci hanno fatto caso e già sanno di cosa si tratta, ma i neofiti del volo si stanno domandando sicuramente che cosa diamine è quel piccolo buco, che sta lì nella parte bassa del finestrino. Sì, quella specie di forellino che a volte si nota solo quando gli si forma attorno una corona di umidità simile a un fiocco di neve.

A vederlo sembra un difetto del finestrino, una rottura, insomma qualcosa che mette paura. Il suo nome tecncio è «foro di respirazione» e svolge un’importante funzione di sicurezza. Il tipico finestrino del passeggero è composto da tre pannelli, realizzati in materiale acrilico. La funzione del pannello più vicino al passeggero è solo quella di proteggere il pannello di mezzo.

DOVE SI TROVA IL BUCO. I due pannelli più importanti sono quello esterno e quello di mezzo: ed è proprio quest'ultimo a contenere il forellino. Per dirla semplice, quando un aereo sale di quota la pressione scende sia dentro alla cabina sia all’esterno. In realtà scende a una quantità maggiore all’esterno dell’aereo, perché i sistemi di pressurizzazione della cabina fanno in modo che all’interno resti sotto ad alcuni parametri di sicurezza. Questo significa che durante il volo la pressione all’interno della cabina sia molto più alta rispetto a quella presente all’esterno. I due pannelli più esterni hanno la funzione di gestire la differenza di pressione fra esterno ed interno della cabina. Sia il pannello di mezzo sia quello esterno sono in grado di reggere la differenza fra la pressione esterna e quella interna, ma in circostanze normali questo compito viene svolto solo da quello esterno, proprio grazie alla presenza del forellino nel pannello di mezzo.

Come ha spiegato Marlowe Moncur, direttore del reparto tecnologico di un grosso produttore di finestrini per aerei, «lo scopo del forellino del pannello di mezzo è quello di riequilibrare» la pressione fra la cabina e i due pannelli più interni. Questo permette che la differenza di pressione sia quasi tutta a carico del pannello più esterno, che è più resistente. Nel caso il pannello esterno si rompa, quello in mezzo ne assume le funzioni, senza grossi problemi (il sistema di pressurizzazione della cabina farà il resto).

ALTRA FUNZIONE. Bret Jensen, un ingegnere aerospaziale del Boeing Commercial Airplanes, ha raccontato di un’altra funzione del forellino: in pratica, rilascia l’umidità dell’aria compresa fra i pannelli e impedisce per lopiù che si formino nuvolette o ghiaccio fuori dal finestrino, permettendo la vista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso