Raccolta differenziata
6 Ottobre Ott 2017 1600 06 ottobre 2017

Come fare la raccolta differenziata: la pattumiera giusta per umido, plastica, vetro e carta

La raccolta differenziata è importante, ma può diventare un rompicapo: umido, plastica, vetro, carta o indifferenziata? La guida per conoscere sempre il bidone giusto per ogni rifiuto.

  • ...

Quante volte vi siete trovati in mano qualcosa da buttare senza sapere in quale pattumiera gettarla? La raccolta differenziata dei rifiuti è fondamentale, ma a volte farla correttamente può risultare un rompicapo. Con questa guida Lettera43.it vi aiuta a capire quali rifiuti possono essere riciclati e quali no e soprattutto cosa deve andare nell’umido, nella plastica, nel vetro, nella carta e nella raccolta indifferenziata.

1. Cosa va nell’umido: avanzi di cibo e fazzoletti usati

Nel sacchetto biodegradabile e compostabile per l’umido vanno avanzi di cibo, scarti di cucina, alimenti andati a male, bucce di frutta e verdura, bustine del tè, fondi di caffè, tovaglioli e fazzoletti di carta usati, semi, fiori recisi, resti e foglie di piante da appartamento.

2. Cosa va nella plastica: bottiglie e flaconi, prima però puliteli

Nel cestino per la raccolta differenziata della plastica devono essere buttate bottiglie di plastica (acqua o bevande), flaconi di detersivo, vaschette di salumi e per alimenti (come quelle della carne confezionata), piatti e bicchieri di plastica, flaconi di shampoo e bagnoschiuma, barattoli e vasetti di yogurt, vaschette per il gelato, confezioni di patatine e merendine, sacchetti di plastica per pasta, vaschette portauova e per frutta o verdura e l’involucro che racchiude le confezioni di acqua da sei bottiglie. Attenzione, però: prima di essere gettati nella plastica questi contenitori devono essere svuotati completamente, puliti e schiacciati. Bisogna poi ricordarsi di strappare le etichette di carta.

3. Cosa va nel vetro: bicchieri e vasi, ma non specchi e cristalli

La raccolta differenziata del vetro comprende bottiglie, barattoli, bicchieri e vasi di vetro. In questo cestino non devono invece finire lampadine, specchi, cristalli e pirofile. Prima di gettali nel vetro i contenitori devono essere puliti di tutti i residui e svuotati completamente.

4. Cosa va nella carta: giornali e scatoloni, non gli scontrini

Nel sacchetto della carta possono essere buttati giornali, scatole di cartone, quaderni, bricchi del latte e di succhi di frutta (previa eliminazione del tappo di plastica), confezioni dei cereali. Attenzione però: carta e cantoni sporchi non devono essere gettati nella carta, ma nell’indifferenziato, così come la carta forno, quella unta e gli scontrini.

5. Cosa va nell’indifferenziato: cosmetici, rifiuti sporchi e tanto altro

Nell’indifferenziato vanno gettati Imballaggi e rifiuti sporchi di residui alimentari, piatti, bicchieri e posate di ceramica, cd e dvd, assorbenti e pannolini, piatti, bicchieri e posate di plastica, escrementi di animali e lettiere, cenere e mozziconi di sigarette, spazzole, spazzolini, lamette da barba, Pennarelli e biro, nylon, lampadine, polvere, cuoio, pellicole, cosmetici.

CONTROLLATE NEL VOSTRO COMUNE. In ogni caso è sempre bene controllare le informazioni contenute nel sito del proprio Comune, in quanto è possibile che la raccolta differenziata vari leggermente di città in città. L'Amsa, l'azienda che si occupa della raccolta a Milano, per esempio ha un comodo servizio online, Dove lo butto, per scoprire in quale sacco va ciascun rifiuto. Servizio simile è offerto anche dall'Ama di Roma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso