Google
22 Novembre Nov 2017 1134 22 novembre 2017

Google, utenti tracciati anche senza geolocalizzazione

Big G ammette di ricevere dati relativi alla posizione geografica degli utenti a loro insaputa.  E si giustifica spiegando che non vengono conservati.

  • ...

Google sta ricevendo dati relativi alla posizione geografica degli utenti a loro insaputa, anche se hanno disattivato la geolocalizzazione. Nell'ultimo anno la compagnia ha incamerato informazioni sulla posizione degli smartphone Android, informazioni ottenute attraverso gli indirizzi dei ripetitori cellulari agganciati dai telefoni.

INFORMAZIONI DAL GENNAIO 2017. La notizia, rivelata dal sito Quartz, è stata confermata da Google, che ha motivato la ricezione di quei dati con la necessità di migliorare la gestione delle notifiche e dei messaggi. Gli smartphone Android hanno iniziato a mandare a Google le informazioni sulle celle telefoniche nel gennaio 2017, ha spiegato Google. L'obiettivo era «migliorare ulteriormente la velocità e la performance della consegna dei messaggi».

PER GOOGLE I DATI SONO STATI CANCELLATI. Tuttavia, ha sottolineato l'azienda di Mountain View, quei dati non sono mai stati registrati, ma al contrario «immediatamente cancellati». Google ha assicurato che entro la fine di novembre smetterà di riceverli. Come sottolineato da Quartz, le informazioni sulle posizioni dei ripetitori agganciati da un telefono potrebbero portare all'esatta localizzazione dell'utente con una semplice triangolazione. Nel caso in cui sullo smartphone fosse presente un software spia, inoltre, quelle informazioni potrebbero finire nelle mani di terze persone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso