Facebook Cambridge Analytica Profili Rubati Cose Sapere
SOCIAL NETWORK
30 Marzo Mar 2018 1313 30 marzo 2018

Facebook, spunta un vecchio documento: «Crescita a ogni costo»

Il memorandum del 2016 redatto dal numero due Andrew Bosworth: «Potrà costare la vita a a qualcuno, ma connettere le persone è il nostro imperativo». Ora il vice presidente prende le distanze.

  • ...

«Connettiamo le persone. Ecco perché tutto il lavoro che facciamo per la crescita è giustificato. Forse a qualcuno costa la vita perché si espone ai bulli, forse qualcuno muore in un attacco terroristico coordinato sulla nostra piattaforma. Ma connettere le persone è il nostro imperativo».

DOCUMENTO PUBBLICATO DA BUZZFEED. È questo il controverso senso di un documento interno di Facebook scritto nel 2016 dal vice presidente Andrew Bosworth e pubblicato dal sito Buzzfeed. Parole che potrebbero gettare ulteriore benzina sul fuoco sugli strascichi del caso Cambridge Analytica.

«NON SONO E NON ERO D'ACCORDO». Bosworth, su Twitter, ora prende le distanze dal memorandum: «Non sono d'accordo e non lo ero neanche due anni fa quando l'ho scritto. Lo scopo era portare alla luce questioni che meritavano discussioni più ampie con la società».

ZUCKERBERG: «MAI CREDUTO CHE IL FINE GIUSTIFICHI I MEZZI». Sul documento è intervenuto anche Mark Zuckerberg. «Non abbiamo mai creduto che il fine giustifichi i mezzi», ha detto il fondatore di Facebook. «Io e tante persone in Facebook siamo fortemente in disaccordo. Bosworth è un manager talentuoso che dice molte cose provocatorie». Secondo il sito The Verge, decine di dipendenti di Facebook stanno usando la chat interna per condividere le preoccupazioni su questo materiale divulgato ai media

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso