Thiago Silva 140707210509
MONDIALE 7 Luglio Lug 2014 1515 07 luglio 2014

Brasile, Thiago Silva fuori: la Fifa conferma il giallo

Respinto il ricorso dei verdeoro. Per il capitano niente Germania.

  • ...

L'ammonizione presa da Thiago Silva durante Brasile-Colombia.

Niente sconti dalla Fifa: Thiago Silva non può giocare la semifinale del Mondiale l'8 luglio contro la Germania.
Il ricorso del Brasile è stato respinto.
«NIENTE BASI LEGALI». La Commissione disciplinare della Federcalcio internazionale ha quindi confermato il cartellino giallo a carico del capitano della Seleçao, escluso dalla sfida coi tedeschi per due ammonizioni.
Nel motivare la decisione, la Fifa ha precisato che la richiesta di cancellare il provvedimento applicato al difensore della nazionale verdeoro «è priva di qualsiasi base legale per essere accettata».
«FALLO INVOLONTARIO». La Federcalcio brasiliana (Cbf) sostiene che le immagini televisive dimostrerebbero l'assoluta involontarietà del fallo di ostruzione compiuto da Silva nei confronti del portiere Ospina nella partita contro la Colombia.
L'allenatore Luiz Felipe Scolari, già privo dell'infortunato Neymar, ha fatto prove di formazione.
VERSO I TRE MEDIANI. Provando inizialmente una formazione titolare in cui Dani Alves rientrava sulla fascia destra al posto di Maicon e con il 'volante' Luiz Gustavo, che ha scontato il turno di squalifica, a centrocampo con Paulinho e Fernandinho. Quindi si va verso un modulo dei tre mediani, con Oscar spostato in avanti a comporre un tridente con Hulk e Fred.
IN DIFESA PRONTO DANTE. Al centro della difesa accanto a David Luiz c'è Dante. Successivamente Scolari ha tolto Paulinho e messo dentro Willian, poi passati 30 minuti altra interruzione e dentro Maicon per Dani Alves e Bernard per Oscar, che in seguito è rientrato fra i titolari al posto di Willian.
Alla fine della seduta, 'Felipao' si è fermato a parlare per qualche minuto con Luiz Gustavo, al quale è sembrato dare indicazioni. Il mistero sulla formazione del Brasile continua.

Correlati

Potresti esserti perso