Motori 9 Luglio Lug 2014 1106 09 luglio 2014

Beccheggio auto cos'è come evitarlo

Il termine ha origini navali ed è uno dei tre principali "movimenti" che caratterizzano il moto. Sono movimenti che interessano l’assetto dell’auto durante il moto. In maniera diversa sono presenti in tutti i corpi in movimento in quanto espressione delle forze che lo determinano

  • ...

Asse di beccheggio Il termine ha origini navali ed è uno dei tre principali "movimenti" che caratterizzano il moto. Sono movimenti che interessano l’assetto dell’auto durante il moto. In maniera diversa sono presenti in tutti i corpi in movimento in quanto espressione delle forze che lo determinano. In particolare il beccheggio si ha in fase di accelerazione o decelerazione. Può essere causato anche dal fondo stradale ma in quel caso termine possiamo definirlo indotto e non conseguente. Per capire bene come agisce, immaginate di far passare l’auto da uno sportello all’altro da una barra e sospenderla su due blocchi posti ai lati. Spingendo il muso o il cofano posteriore noterete che se uno si alza l’altro si abbassa, bene questo è il beccheggio. In questo caso la forza che lo determina è è interamente verticale o meglio angolare, in caso il mezzo fosse in  moto dovremmo scomporre le forze , ma il risultato sarebbe lo stesso. Tra i tanto compiti degli ammortizzatori, di qualsiasi tipo siano, vi è appunto quello di smorzare la velocità di rotazione, ricordate sempre l’esempio della barra  la traversa il mezzo, in modo che l’auto recuperi immediatamente ed in maniera dolce l’assetto. In fase di progettazione questi come altri parametri sono molto importanti, in quanto hanno  influenza notevole sulle prestazioni e sul confort. In caso di auto da corsa questo movimento viene smorzato al massimo in modo che l’auto mantenga l’assetto più “aderente” possibile e possa scaricare a terra la potenza del motore. Lo stesso si può dire di tutte le auto da prestazione che hanno a questo scopo ammortizzatori molto duri.

Correlati

Potresti esserti perso