Motori 10 Luglio Lug 2014 0900 10 luglio 2014

Bici sì, ma elettrica

Si ricaricano in poche ore e possono superare i 50 km di autonomia. Ecco i nuovi modelli di e-bike.

  • ...

È vecchia di decenni l’idea di spostarsi usando la bicicletta, ma appartiene agli ultimi tempi quella di montare la tecnologia elettrica sulla tradizionale due ruote, per pedale senza affaticarsi. Del resto il trasporto del futuro punta tutto sulla funzionalità, unita al requisito del basso impatto ambientale. Così sperimentare piccoli motori elettrici sul mezzo di trasporto a pedali sembra essere un ottimo banco di prova per le aziende che si stanno specializzando in questa tecnologia, soprattutto per le case automobilistiche che fanno a gara tra di loro per sfornare modelli di e-bike sempre più competitivi. CARATTERISTICHE DI BASE. Secondo la normativa vigente rientrano nella categoria biciclette elettriche tutte quelle che sono dotate di un motore ausiliario elettrico con una potenza nominale continua massima di 0,25 kW, la cui alimentazione è progressivamente ridotta e infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km orari o prima, se il ciclista smette di pedalare.

Smart ebike SMART EBIKE, UNA BICI E TRE VESTI. Questa bicicletta monta il motore elettrico BionX, la cui potenza (da un minimo di 1 a un massimo di 4, non oltre i 25 km orari) è regolabile da un pulsante sul manubrio. La batteria agli ioni di litio, con una potenza di 423 Wh, garantisce un’autonomia fino a 100 chilometri e si ricarica attraverso una comune presa elettrica domestica, oppure con la pedalata tradizionale, azionando i freni e sfruttando l’energia della frenata. Acquistabile negli Smart center italiani, con prezzi a partire da 2.899 euro, è disponibile nelle versioni orange, black e comfort edition. L'ESORDIO DI SKODA. La casa automobilistica ceca ha debuttato nel mondo del ciclismo con la Skoda Green e-Line. Il motore elettrico non supera i 25 chilometri orari, ma può contare su un’autonomia interessante di 105 km, ed è ricaricabile in meno di quattro ore. Si può testare e acquistare nei concessionari auto a partire da 2.500 euro.  LA PIEGHEVOLE DI PEUGEOT. AE21 Hybrid Bike è la bici ecologica ideata dai cugini francesi, pieghevole e con batteria rimovibile al litio che si può ricaricare alla prima presa di corrente libera. Le dimensioni sono compatte e l’asso nella manica, per i tempi moderni, è lo spazio al centro del telaio chiamato Clever case, in cui si riporre la borsa del notebook. Sarà disponibile alla fine dell’anno in corso, a partire da 1.800 euro.

La nuova bici elettrica di Bmw sta per arrivare sulk mercato nazionale. BMW, UN PIENO DI TECNOLOGIA. È in arrivo sul mercato italiano il nuovo modello della e-Cruiser, bici a pedalata assistita disegnata da Evgueni Maslov, designer della divisione americana del marchio di Monaco di Baviera. Le linee sono super moderne con telaio in alluminio, mentre per il sistema elettrico è stato adottato l’e-Bike System Bosch Performance Line con motore da 250 watt, controllato da tre sensori (velocità, coppia, frequenza della pedalata). Le batterie al litio estraibili sono quelle di maggiore capacità (400 Wh) che si ricaricano in 3 ore e mezza, e l’autonomia dichiarata è di 190 km. Sul manubrio è situato il comando che permette di cambiare la schermata del display, per visualizzare le informazioni sul viaggio e sullo stato di ricarica degli accumulatori. La Bmw e-Cruiser sarà disponibile nelle concessionarie Bmw italiane nei prossimi mesi, a partire da 2.600 euro. DUE MODELLI PER KIA. Si chiama Keb (Kia electric bicycles) la pedelec elettrica disponibile nei modelli City e Mtb, che hanno lo stesso propulsore e alimentatore e raggiungono una velocità massima di 25 km all’ora. Sulla City la batteria è montata posteriormente, mentre sulla Mtb è montata nella parte centrale. I due modelli prototipo Keb sono stati creati utilizzando telaio, motore elettrico e alimentatore fabbricati in Corea, insieme ai freni e ai componenti degli ingranaggi da Shimano in Giappone, mentre l’assemblaggio finale è stato effettuato in Germania. QOROS EBIQE CONCEPT. L’aspetto è simile a un ciclomotore, ma in realtà è una bici elettrica in tutto e per tutto, disponibile in tre modalità: la Street, con punta massima di 25 km/h, la Eco, per il maggior risparmio di energia e la Power, per una spiccata potenza. L'autonomia varia dagli 80 ai 120 km in base alla modalità selezionata, con tempi di ricarica di 80 minuti da una presa di corrente standard. Costo? Circa 2.500, per una volta il marchio cinese non è sinonimo di risparmio economico. [gn_jcarousel source="cat=%blog%" ]

Correlati

Potresti esserti perso