CLAMOROSO 15 Luglio Lug 2014 2001 15 luglio 2014

Juventus, Antonio Conte lascia la panchina

Divorzio improvviso tra il tecnico e la società bianconera.

  • ...

Antonio Conte non è più l'allenatore della Juventus. Con un clamoroso colpo di scena il tecnico tre volte campione d'Italia ha rassegnato le dimissioni dal club bianconero.
Ad appena 24 ore dal raduno della Vecchia Signora, un fulmine a ciel sereno si è abbattuto sul centro di Vinovo. E già è spuntato il nome del successore favorito sugli altri: l'ex Milan Massimiliano Allegri.
UN VIDEO SUL SITO. L'addio è stato annunciato dallo stesso Conte con un video di pochi minuti sulla homepage del sito della società.
«C'è stato un percorso durante il quale ho maturato percezioni e sensazioni che mi hanno portato a questa decisione», ha spiegato, visbilmente turbato, l'ex capitano juventino. Rispetto alla sua esperienza sulla panchina bianconera, Conte ha detto: «Vincere prima di tutto è difficile. Comporta tanta fatica, specie in una società come la Juventus, dove c'è l'obbligo della vittoria rispetto ad altre società. Ma ho dimostrato di essere un vincente».
GIÀ A MAGGIO RAPPORTI TESI. Del resto già il gelido annuncio di maggio sul futuro del tecnico - «Stagione 2014/15: allenatore Antonio Conte», si limitò a twittare la Juventus - aveva lasciato intuire rapporti tesi. Che sono poi precipitati dopo le frizioni sul calciomercato.

NESSUNA PAROLA SUL FUTURO. «Ora», ha aggiunto Conte, «penso al presente e alla decisione presa. Un enorme grazie va ai ragazzi per quello che mi hanno dimostrato negli anni da allenatore da calciatore. Abbiamo fatto qualcosa di storico, che niente e nessuno potrà toglierci. Ringrazio la società che mi è stata vicina, Andrea Agnelli e tutti quelli che hanno reso vincente questa Juventus». «Cosa farò adesso? Ci penserò domani», ha chiosato l'ormai ex tecnico bianconero.
SANCHEZ E CUADRADO SFUMATI. Si mormora che all'origine dell'improvvisa separazione ci siano divergenze sulla gestione della campagna acquisti (Sanchez? Cuadrado?), in virtù anche del prolungamento del contratto di un solo anno da parte di Conte. La società, tuttavia, per bocca del presidente Andrea Agnelli ha immediatamente voluto omaggiare il lavoro del mister, attraverso una lettera pubblicata sul sito bianconero.
IL GRAZIE DI ANDREA AGNELLI. «Caro Antonio, sei stato un grande condottiero per i nostri ragazzi e la notizia di oggi mi rattrista enormemente».
Sullo sfondo c'è anche chi suggerisce che il tecnico leccese possa essere stato tentato dalla panchina vacante della Nazionale.


Correlati

Potresti esserti perso