Motori 26 Luglio Lug 2014 1455 26 luglio 2014

Skoda Octavia Scout 2015 data uscita

Dal mese di agosto sarà possibile ordinare la nuova Skoda Octavia Scout. Il modello è stato presentato lo scorso marzo al salone di Ginevra, sembra aver incontrato il consenso di coloro che cercano un’auto adatta a “tutto”specialmente al mondo del lavoro, infatti la scout è derivata dalla station wagon. La prima edizione è del 2007 , e ad oggi ne sono stati venditi 53 mila esemplari. La casa con la scout conta di superare questa soglia, ed ha svelato le principali caratteristiche e diffuso qualche immagine.

  • ...

Nuova Skoda Octavia Scout Dal mese di agosto sarà possibile ordinare la nuova Skoda Octavia Scout. Il modello è stato presentato lo scorso marzo al salone di Ginevra, sembra aver incontrato il consenso di coloro che cercano un’auto adatta a “tutto”specialmente al mondo del lavoro, infatti la scout è derivata dalla station wagon. La prima edizione è del 2007 , e ad oggi ne sono stati venditi 53 mila esemplari. La casa con la scout conta di superare questa soglia, ed ha svelato le principali caratteristiche e diffuso  qualche immagine. La Octavia Scout offre un’immagine di grande versatilità, e capacità di muoversi su fondi difficili. Sulla zona inferiore dei quattro lati si vedono bene gli elementi in plastica nera, che costituiscono le parti di protezione, che si abbinano al nuovo paraurti creato ad hoc. All’immagine di una macchina “da lavoro” contribuiscono  l’altezza di 171 cm , 3,1 in più della station wagon, e i cerchi in lega da 17”, con pneumatici 220/50 R17.  Il look è quello di un fuoristrada supportato da un sistema di trasmissione 4x4 Haldex-5, evoluzione di quello utilizzato sulla versione precedente.  Il sistema distribuisce automaticamente la coppia motrice all’asse posteriore quando c’è perdita di aderenza sulle ruote anteriori.  Inoltre l’Haldex-5 pesa un po’ meno, del precedente  è infatti più leggero di 1,9 kg. Previsti tre motori: due diesel e un “benzina”. Tra i due gasolio c’è la novità assoluta del 4 cilindri 2.0 TDI da 184 CV, con consumo medio di 19,6 km/l. Il propulsore è dotato di sistema stop&start ed è abbinato a cambio DSG a 6 marce. Previsto anche il turbodiesel 2.0 TDI da 150 CV, soltanto con cambio manuale a 6 marce, ed il consumo medio è di 19,6 km/l. L’unità a benzina è il 4 cilindri 1.8 TSI da 180 CV, proposto con cambio DSG a 6 marce. Il suo consumo è di 14,5 km/l. La vedremo sulle nostre strade dal mese di settembre. [gn_jcarousel source="cat=%blog%" ]

Correlati

Potresti esserti perso