Okaka 140727191638
POLEMICA 27 Luglio Lug 2014 1921 27 luglio 2014

Tavecchio, Stefano Okaka: «Inaccettabile»

L'attaccante contro il candidato Figc.

  • ...

Stefano Okaka, attaccante della Sampdoria.

Continuano a far discutere le parole di Carlo Tavecchio, candidato alla presidena della Federcalcio scivolato su una battuta razzista su extracomunitari e banane.
«È inaccettabile, scandaloso. Tutto il popolo dovrebbe averlo già convinto a fare un passo indietro. Dispiace nel 2014 sentire ancora certe cose», ha commentato Stefano Okaka, attaccante della Sampdoria.
«ADESSO BASTA». Secondo Okaka, poi, «il problema è anche di chi fa stare lì» Tavecchio. «Se chi deve dare l'esempio appena parla dice cose del genere è la fine, si va sempre nella stessa direzione», ha concluso l'attaccante della Samp, nato in provincia di Perugia da genitori nigeriani. «Dispiace che nel 2014 si parli ancora di queste cose o del colore della pelle, adesso basta».
Anche il neo presidente della Samp, Massimo Ferrero, si è detto incredulo di fronte a quella che si augura «sia solo una leggerezza»: «Ho votato la sua candidatura, confidando nel rinnovamento, ma certo non condivido quello che ha detto», ha affermato il numero uno dei blucerchiati, ma il colpo più forte è arrivato in serata, con la Fiorentina che, per bocca del suo presidente Mario Cognigni, ha annunciato di voler ritirare il sostegno a Tavecchio.
IL PD SCARICA IL CANDIDATO PRESIDENTE. Insomma la corsa all'elezione parte ufficialmente ora con il programma depositato anche dallo sfidante Demetrio Albertini, ma resta alta la polemica.
La Rete, che si era già scatenata, continua ad attaccare duramente Tavecchio, la politica pure, tornando a chiedere al candidato di ritirarsi dalla contesa. Esponenti del Pd hanno sollecitato ancora il passo indietro di Tavecchio o che venga meno il sostegno di chi lo sponsorizza per l'elezione ai vertici federali.
I CLUB LO DIFENDONO. I club però avevano già confermato il sostegno al loro candidato: dalla Lega di A, alla B, passando per la Lega Pro e i Dilettanti che da tanti anni Tavecchio guida, hanno alimentato la difesa.
Nel dibattito in punta di piedi si è affacciato il premier Matteo Renzi, che ha definito «inqualificabile» l'espressione sugli stranieri che mangiano le banane. «Un clamoroso autogol», le parole del presidente del Consiglio, che però non si è lanciato nella querelle in nome dell'autonomia dello sport.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso