Arrigo Sacchi 140730173322
CALCIO 30 Luglio Lug 2014 1700 30 luglio 2014

Figc, Sacchi lascia l'incarico alle Nazionali giovanili

L'ex ct azzurro: «Troppo stress».

  • ...

Arrigo Sacchi era coordinatore tecnico delle Nazionali giovanili dalla U21 alla U16 dal 2010.

Arrigo Sacchi dice addio al ruolo di coordinatore tecnico delle Nazionali giovanili (da U21 a U16) della Fgic. «Con dispiacere lascio un incarico cui tengono molto. Però ho un avversario terribile, che sono riuscito a governare per 22-23 anni, e che alla fine però sta vincendo, ed è lo stress», ha detto l'ex commissario tecnico azzurro per motivare la sua decisione di non allungare il contratto siglato nell'agosto del 2010 e in scadenza il 31 luglio 2014.
PESANO STRESS E MOTIVI FAMILIARI. E Sacchi, nella conferenza stampa indetta in Federcalcio a Roma, ha poi aggiunto che a pesare nella scelta, oltre allo stress ci sono state anche valutazioni di carattere familiare e personale: «Ho avvisato la Figc già da un anno che a fine mandato avrei lasciato. Non sono stato un bravo padre, ho trascurato mia figlia, e non voglio fare lo stesso con la nipotina nata da poco. E poi non sono più un giovanotto, il mio recupero è più lento». «Abbiamo lavorato molto in questo 4 anni, cercando di dare a questi ragazzi una mentalità e una dimensione internazionale, aumentando del 30-35% le partite», ha spiegato Sacchi. «In una nazione che non crede nei giovani dobbiamo ringraziare la Federazione per gli sforzi fatti».
IL DIRETTORE GENERALE DELLA FIGC: «SPERO CI RIPENSI». La conferenza è stata aperta dalle parole del direttore generale della Figc, Antonello Valentini: «Siamo qui perché domani (31 luglio, ndr) scade il contatto di Arrigo, per noi è stato un aiuto fondamentale per far rinascere il sistema delle nazionali giovanili. Ha deciso di lasciare l'incarico a fine mandato, nonostante le nostre insistenze. Speriamo che in futuro possa ripensarci».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso