Motori 2 Agosto Ago 2014 1843 02 agosto 2014

Parabrezza fotovoltaico come funziona

Il futuro arriva dal Michigan si tratta dei pannelli solari trasparenti che potrebbero sostuire i nostri parabrezza. La scoperta o meglio la tecnologia è una di quelle che se avrà lo sviluppo auspicato potrebbe cambiare il destino dell’auto e non solo. Per ora i risultati sono ancora lontani dal permettere un’uso su vasta scala che possa garantire una efficienza soddisfacente, ma gli studi continuano e si spera possano dare buoni risultati nei prossimi anni

  • ...

Il parabrezza del futuro
Il futuro arriva dal Michigan si tratta dei pannelli solari trasparenti che potrebbero sostituire i nostri parabrezza. La scoperta, o meglio la tecnologia, è una di quelle che se avrà lo sviluppo auspicato potrebbe cambiare il destino dell’auto e non solo. Per ora i risultati sono ancora lontani dal permettere un uso su vasta scala che possa garantire una efficienza soddisfacente, ma gli studi continuano e si spera possano dare buoni risultati nei prossimi anni. Chiamati TSLC, acronimo di “concentratori solari luminescenti trasparenti”, sono composti da sali organici capaci di catturare le radiazioni solari per inviarle alle celle tradizionali poste ai bordi del pannello per la conversione in energia. Rispetto alle precedenti sperimentazioni, questa dell’Università del Michigan, presenta diversi punti di forza: la trasparenza totale dei pannelli, tale da permettere una visione simile a quella dei normali lunotti, le celle energetiche vengono applicate lateralmente con un adesivo lasciando una perfetta visibilità, ovviamente possono essere applicate sia anteriormente che posteriormente. Per vedere i pannelli sul mercato ci vorrà ancora tempo perchè come dichiara il direttore del progetto, Richard Lunt, per ora il rendimento è solo l’1% ,mentre i tradizionali pannelli colorati arrivano al sette per cento. La ricerca continua e si punta al 5%, che è la soglia minima per trasformare il progetto in prodotto. Quanto bisognerà aspettare ancora? Speriamo  poco.

Correlati

Potresti esserti perso