Motori 5 Agosto Ago 2014 0900 05 agosto 2014

Le auto adesso volano

Debutteranno sul mercato nel 2021, ma molte aziende stanno lavorando da tempo ai prototipi. Ecco quali.

  • ...

Entro il 2021 debutteranno sul mercato le auto volanti. Qui il prototipo del Tf-X dell'azienda americana Terrafugia. Volare con l’auto personale, forse il futuro realizzerà questo desiderio. Mentre le case automobilistiche sfornano auto a basso impatto ambientale, altre aziende preferiscono investire in veicoli volanti, capaci di passare dalle piste stradali a quelle aeree nel giro di pochi secondi. Al momento circolano solo prototipi o bozzetti, eppure la commercializzazione sembra vicina, con i più ottimisti che fissano la data di debutto sul mercato al 2021. GF-7, PER SFRECCIARE A 900 KM ORARI L’idea è frutto dell’inventiva del designer Greg Brown e dell’ingegnere Dave Fawcett che hanno messo a punto questo prototipo di veicolo adatto a cielo e terra. Su strada può circolare attivando il motore elettrico, le cui batterie hanno un’autonomia di circa 200 km/h, mentre quando è ora di alzarsi in volo, grazie all’apertura alare e al motore a reazione, può percorrere fino a 1.600 km a una velocità massima di 900 km/h. Inconvenienti? Per decollare e atterrare ha bisogno di circa 700 metri, mentre il costo di produzione - da qui ai prossimi quattro anni - sfiora i 5 milioni di dollari. TERRAFUGIA TF-X, DECOLLO VERTICALE Il gioiellino della compagnia statunitense Terrafugia, da anni concentrata sulla progettazione delle auto volanti destinate ai privati, sarebbe in grado di ospitare quattro persone e avere un’autonomia di 800 chilometri. La data del debutto sul  mercato? Entro il 2021. Tra gli assi nella manica, quello di decollare in verticale, di atterrare in modo automatico - in caso di avaria o di condizioni climatiche preoccupanti - e di avere un prezzo accessibile, il più vicino possibile agli standard delle auto tradizionali. HELIKAR, INGEGNO GIOVANILE Si chiama Carlos Matilla il 26enne ingegnere spagnolo che per la società Fuvex ha messo su carta il progetto di questo aeromobile alimentato a cherosene. Stando ai primi calcoli, si alzerebbe in volo in verticale e sarebbe capace di percorrere 1.000 km a una velocità di 430 km/h. A bordo è previsto spazio per due passeggeri, l’unico inconveniente è legato ai finanziamenti, considerato che servono due milioni di euro per realizzare il primo prototipo. MY COPTER, I PENDOLARI RINGRAZIANO Il progetto piace all’Unione Europea tanto che l’ha finanziato con 4,3 milioni di euro. Ci stanno lavorando i ricercatori di varie Università e Istituti di tecnologia, per esempio il Max Planck Institute, il Centro Aerospaziale Tedesco, l'Università di Liverpool, il Karlsruhe Institute of Technology, il Politecnico di Zurigo e di Losanna. In sostanza, si tratta di un veicolo volante personale che dovrebbe essere semplice da manovrare, con un volante, dei pedali e un cruscotto da automobile. Ma non finisce qui, di fatto i ricercatori puntano a sviluppare un veicolo autonomo, in grado di arrivare a destinazione senza l'intervento umano, quindi una sorta di mezzo volante per i pendolari: basterebbe solo selezionare il punto d'arrivo sulla mappa e rilassarsi. PAL-V ONE, DAL PAESE DEI TULIPANI Dietro questo nome si nasconde un triciclo olandese che, sebbene assomigli a un elicottero, è in grado di trasformarsi da macchina volante a veicolo di strada in dieci minuti. Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, ha una velocità limitata, in entrambe le modalità, di 180 km/h, in compenso ha bisogno di soli 165 metri per alzarsi in volo. Costo stimato? Circa 240 mila euro. [gn_jcarousel source="cat=%blog%" ]

Correlati

Potresti esserti perso