Motori 10 Agosto Ago 2014 1821 10 agosto 2014

Aggiornamento carta di circolazione disabili

Se per esempio avete ereditato un veicolo è necessario fare l’apposito passaggio di proprietà e tutto questo a favore degli eredi. L’art. 2648 del codice civile stabilisce che l’accettazione dell’eredità deve essere fatta per mezzo di un atto pubblico o tramite una scrittura privata con sottoscrizione autenticata oppure in alternativa accertata giudizialmente.

  • ...

Auto adibita al trasporto di disabili Se per esempio avete ereditato un veicolo è necessario fare l’apposito passaggio di proprietà e tutto questo a favore degli eredi. L’art. 2648 del codice civile stabilisce che l’accettazione dell’eredità deve essere fatta per mezzo di un atto pubblico o tramite una scrittura privata con sottoscrizione autenticata oppure in alternativa accertata giudizialmente. Se ci sono due eredi è necessario fare ben due passaggi di proprietà. La cosa si complica se gli eredi decidono di vendere il mezzo. Per aggiornare la carta di circolazione di una vettura è sufficiente recarsi presso gli uffici della Motorizzazione Civile. Di solito se si presenta un unico passaggio di proprietà a favore degli eredi, normalmente il Pra emetterà sia il certificato di proprietà che lo specifico tagliando della carta di circolazione (normalmente indicata come “libretto). Bisogna evidenziare un altro caso particolare: se fra gli eredi sono presenti dei minorenni oppure degli incapaci di agire (inabilitati, interdetti) è necessario portare anche la seguente documentazione:

  • La copia conforme in bollo dell’atto di accettazione dell’eredità. Tutto questo anche se fatto con il beneficio dell’inventario, rilasciata dal notaio o dalla relativa Cancelleria del Tribunale;
  • La copia conforme dell’autorizzazione del Giudice Tutelare ad accettare l’eredità (ed eventualmente a cedere a terzi il veicolo);
  • Una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà. Tutto ciò va fatto da parte del genitore/tutore. In tale atto deve essere esplicitamente dichiarato di esercitare la patria potestà genitoriale oppure di essere il tutore. Va menzionata anche la residenza anagrafica del minore.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso