Valeria Straneo 140816114432
SPORT 16 Agosto Ago 2014 0800 16 agosto 2014

Atletica, europei: Valeria Straneo è medaglia d'argento

L'italiana è seconda nella maratona.

  • ...

Zurigo: Valeria Straneo durante la maratona (16 agosto 2014).

Seconda medaglia per l'Italia agli europei di atletica di Zurigo.
Dopo l'oro di Libania Grenot, cubana di nascita, italiana per amore, nei 400 metri, è arrivato l'argento nella maratona femminile grazie a Valeria Straneo (oro alla francese Christelle Daunay, Bronzo per la portoghese Jessica Augusto).
L'azzurra, argento ai Mondiali di Mosca del 2013, ha chiuso la gara in 2h25'27.
REDUCE DALLA MALATTIA. Al traguardo, l'atleta piemontese s'è detta molto felice per l'argento, anche se resta un piccolo rammarico per aver sfiorato il gradino più alto del podio. Ma Straneo ha liquidato il tutto spiegando che Daunay, «è stata più forte».
«Questo è un argento che vale tanto, non si deve mai dare nulla per scontato», ha esultato Straneo che ha battuto anche una grave malattia - le è stata asportata la milza che non le ha tolto forza nelle gambe, ma ha rafforzato il coraggio ad andare avanti.
IL SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA. «Non ho mai dato per scontata la vittoria di una medaglia, ma certo un po' ci speravo, sono arrivata a un passo dall'oro, ma sono felicissima», ha poi detto l'azzurra, al termine di una corsa durissima, che lei ha corso in modo leggero, quasi saltellando, incitata da una piccola folla di sostenitori giunti appositamente da Alessandria, e soprattutto dal marito e dai suoi due bambini, «a cui ho dato il cinque lungo il percorso».
IL DOLORE AL POLPACCIO. «Stavo benissimo», ha detto Straneo ai microfoni Rai, «si riusciva a correre bene. Avevo buone sensazioni per questa gara, ma non volevo lasciare spazio a Daunay perché sapevo come corre». Quindi ha spiegato di aver «sentito un po' male al polpaccio destro» verso il 39esimo chilometro: «Ho cercato di tenermi in stand by per un po' e ho riprovato a spingere, ma il dolore è tornato».
«Ho fatto la mia gara, stando attenta a non farmi staccare dalla francese e guardandomi le spalle dalla rimonta della portoghese Augusto che ci inseguiva».
ITALIA PRIMA IN EUROPA. Alla fine sul podio con Straneo sono salite tutte le ragazze della maratona (Anna Incerti, sesta, Nadia Ejjafini, 12esima, Emma Quaglia, 14esima e Deborah Toniolo 16esima) che hanno regalato all'Italia l'oro a squadre della coppa Europa.
«Non è una sorpresa, siamo fortissime», ha esultato la vicecampionessa europea prima di salutare tutti e partire per le vacanze.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso