Meucci 140817120532
SPORT 17 Agosto Ago 2014 1121 17 agosto 2014

Atletica, europei: Daniele Meucci oro nella maratona

L'atleta pisano stacca tutti e vince la corsa a Zurigo.

  • ...

L'esultanza di Daniele Meucci.

Seconda medaglia d'oro per l'Italia ai campionati europei di atletica leggera in corso a Zurigo. L'atleta pisano Daniele Meucci ha vinto la maratona maschile, arrivando da solo sul traguardo, sventolando il tricolore, dopo aver staccato nettamente tutti gli avversari.
Meucci ha vinto la maratona correndo in 2h.11'.08''. Al secondo posto il polacco Shegumo, che ha conquistato la medaglia d'argento (staccato di 52 secondi). Bronzo per il russo Reunkov giunto con 1.07 di ritardo.
TERZA MEDAGLIA AZZURRA. Si tratta della terza medaglia per l'Italia agli europei di Zurigo, dopo l'argento di Valeria Straneo nella maratona femminile e l'oro di Libania Grenot nei 400 metri.
Lacrime di gioia per Meucci al traguardo, al termine di una gara emozionante che lo ha vinto protagonista assoluto, lui che ha un passato di calciatore e poi di fondista e solo per la seconda volta si cimentava con la maratona, quindi senza quell'esperienza che a volte risulta fondamentale per correre la più faticosa delle gare di corsa.
EMOZIONE INCONTENIBILE. «Non me l'aspettavo. Ho attaccato al momento giusto, ma gli ultimi dieci minuti di gara sono stati un'agonia. Ho pensato a mia moglie, ai bambini» e qui è scoppiato in lacrime. «Mi sono detto che dovevo farcela e ho tenuto duro. Ho corso seguendo l'istinto, a un certo momento ho deciso di attaccare, ho pensato che dovevo rischiare se volevo vincere. So che potevo scoppiare e finire sesto o settimo. Ma ci ho creduto, questa è la maratona. Sono felice, l'oro non l'avevo mai vinto. Secondi e terzi posti li avevo presi, ma mai l'oro. Vorrei lasciare il segno in questa disciplina come hanno fatto i miei compagni nel passato». Entusiasta per l'accoglienza del pubblico sul traguardo, moltissimi gli italiani presenti. L'anno scorso Meucci fu secondo alla Maratona di New York.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso