Motori 19 Agosto Ago 2014 1109 19 agosto 2014

Aria condizionata auto consumo carburante

Soprattutto d’estate l’aria condizionata in una vettura è qualcosa di veramente essenziale, altrimenti viaggiare sotto un sole rovente sarebbe un’impresa alquanto ardua. Ma, a questo punto sorge una domanda: quanto influisce il funzionamento dell’aria condizionata auto sul consumo di carburante?

  • ...

Aria condizionata in una vettura Soprattutto d’estate l’aria condizionata in una vettura è qualcosa di veramente essenziale, altrimenti viaggiare sotto un sole rovente sarebbe un’impresa alquanto ardua. Ma, a questo punto sorge una domanda: quanto influisce il funzionamento dell’aria condizionata auto sul consumo di carburante? Bisogna evidenziare che il compressore non sposta aria compressa, ma dà modo al liquido refrigerante di circolare, quest’ultimo riscaldandosi riesce a immagazzinare il calore presente nell’abitacolo della macchina. Quindi il liquido refrigerante diventa gas ed entra nel radiatore, nel quale subisce un raffreddamento e ridiventa liquido (è utile far notare che la posizione del condensatore è limitrofa al radiatore dell’auto). Raggiunge e raffredda un piccolo radiatore, in questo passa l’aria che entra nell’abitacolo dell’auto, che quindi è gelida. In seguito si riscalda e riassume lo stato gassoso, ritorna al radiatore dove ridiventa liquido e poi così di seguito. Il principio è molto simile a quello dei frigoriferi domestici. Emerge un fatto saliente: il consumo di carburante quando si inserisce il climatizzatore è maggiore, e questo perché si mette in rotazione il compressore (che è collegato al motore per mezzo di una cinghia) e di conseguente è qualcosa di più che il motore deve muovere. Tutto ciò sottrae della potenza al motore che per essere recuperata necessita di ulteriore benzina.

Correlati

Potresti esserti perso