Lionel Messi 130328160620
SANZIONE 20 Agosto Ago 2014 1200 20 agosto 2014

Fifa, Barcellona bloccato sul mercato fino al 2016

Respinto il ricorso del club. Due sessioni di stop agli ingaggi.

  • ...

Lionel Messi, stella del Barcellona e quattro volte vincitore del Pallone d'oro.

Ancora 12 giorni per ingaggiare dei giocatori, poi il Barça si deve fermare fino a gennaio 2016. Il 20 agosto la Fifa ha respinto il ricorso del club catalano, dopo le sanzioni relative al tesseramento di minorenni.
Il club catalano non può effettuare alcun trasferimento nelle prossime due sessioni di mercato, a partire dal gennaio 2015.
SANZIONI CONFERMATE. Lo ha comunicato lo stesso organismo, con una nota apparsa sul sito ufficiale. «La Commissione d'appello ha deciso di respingere i ricorsi del Fc Barcelona e della Federcalcio spagnola, confermando integralmente le sanzioni della Disciplinare della Fifa sulla alla tutela dei minori.
«Il Barcellona», secondo quanto comunicato dalla Fifa, «dovrà rispettare il divieto di acquistare giocatori, sia a livello nazionale che internazionale, nel corso di due sessioni di mercato consecutive, a partire dal prossimo periodo d'iscrizione (gennaio 2015). Inoltre, al Barcellona è stato ordinato il pagamento di una multa di 450 mila franchi svizzeri ed è stato concesso un periodo di 90 giorni - a partire da oggi - per regolarizzare la situazione relativa ai calciatori minorenni. Inoltre è stata imposta una multa di 500 mila franchi svizzeri (412 mila euro circa, ndr), concesso entro un anno di modificare il quadro normativo e il sistema dei trasferimenti internazionali in vigore».
POSSIBILE RICORSO A LOSANNA. Il club catalano adesso può rivolgersi al Tribunale arbitrale dello Losanna, nella speranza di riappropriarsi della libertà di poter operare sul mercato. Il provvedimento della Fifa è dipeso dal fatto che in passato il Barcellona ha acquistato all'estero 10 calciatori minorenni, tra cui il 16enne sudcoreano Lee Seung-Woo considerato il 'Messi d'Asia', senza rispettare le leggi che regolano questo tipo di trasferimenti, ovvero che i genitori dei ragazzi abbiano già un lavoro nel Paese di 'adozione'.
È il caso questo, per esempio, dell'attuale romanista Sanabria, la cui madre lavorava come colf in Spagna già prima che il figlio venisse tesserato dal Barça.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso