Motori 25 Agosto Ago 2014 1703 25 agosto 2014

Tipi di gomme invernali

E’ molto facile perdersi nella “marea” di sigle che i produttori di pneumatici usano per identificare i loro prodotti e bisogna sempre differenziare tra le sigle commerciali e quelle “tecniche” approvate dagli organi preposti. Le gomme invernali o termiche si distinguono in base ad alcune caratteristiche d’uso, vediamone alcune: l’indicazione M+S sta per, cioè gomme adatte sia al fango che alla neve, sono gomme destinate ad un uso stressante su terreni particolarmente difficili. Ci sono poi le gomme Three peaks, che dispongono di lamelle appositamente studiate per garantire un grip ancora maggiore su neve e ghiaccio. Qusti modelli hanno superato test molto severi per avere questa classificazione.

  • ...

Gomme invernali, le tipologie E’ molto facile perdersi nella “marea” di sigle che i produttori di pneumatici usano per identificare i loro prodotti, e bisogna sempre differenziare tra le sigle commerciali e quelle “tecniche” approvate dagli organi preposti. Le gomme invernali o termiche si distinguono in base ad alcune caratteristiche d’uso, vediamone alcune:  l’indicazione M+S sta per neve e fango , cioè gomme adatte sia al fango che alla neve, sono gomme destinate ad un uso stressante su terreni particolarmente difficili.  Ci sono poi le gomme Three peaks, che dispongono di lamelle appositamente studiate per garantire un grip ancora maggiore su neve e ghiaccio. Qusti modelli hanno superato  test molto severi per avere questa classificazione (questo modello è ancora in omologazione in Europa). Semplificando possiamo dire che le gomme termiche hanno una particolare mescola che resta morbida anche in condizioni di temperatura molto bassa, garantendo l’aderenza anche su neve o ghiaccio, grazie alla maggiore elasticità dei tasselli . Le lamellari,si contraddistinguono per il disegno dei tasselli, più “pronunciati” del normale e dotati di “lamelle”. Questi riempiendosi di neve migliorano l’aderenza fornendo un contatto neve su neve, più forte. Altro parametro da tenere in considerazione è il codice di velocità che è specificato sulla carta di circolazione , con le sigle: * Q: fino a 160 Km/h * R: fino a 170 Km/h * S: fino a 180 Km/h * T: fino a 190 Km/h * H: fino a 210 Km/h * V: fino a 240 Km/h * ZR: oltre i 240 Km/h Per i pneumatici normali si possono usare anche codici superiori ma non inferiori, mentre per quelle da neve non si possono usare pneumatici con valore inferiore a Q. Ultimo parametro è il carico massimo del pneumatico che dipende dall’auto e anche questo riportato sul libretto. Quindi occhio alle sigle.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso