Napoli 140827224811
PRELIMINARE 27 Agosto Ago 2014 2238 27 agosto 2014

Champions, Napoli eliminato: 3-1 a Bilbao

Hamsik illude, ma la difesa crolla.

  • ...

Il gol del momentaneo vantaggio di Hamsik in Athletic Bilbao-Napoli 3-1.

Senza difesa, strapazzato in terra basca.
Il Napoli ha incassato una dura batosta al San Mamés di Bilbao. E la sua Champions league è finita ancora prima di cominciare.
La doppia sfida del preliminare l'ha vinta l'Athletic grazie al netto 3-1 maturato nella gara di ritorno dopo l'1-1 del San Paolo.
Gli spagnoli tornano così in Champions dopo 16 anni di assenza, mentre gli azzurri retrocedono tristemente in Europa league.
VANTAGGIO ILLUSORIO. Eppure la squadra di Benitez era andata in vantaggio a inizio ripresa con un guizzo di Hamsik, grazie a un sinistro da fuori area nell'angolino.
Ma la retroguardia è stata fatta a brandelli: due gol in rapida successione di Aduriz, che ha infierito approfittando delle gravi amnesie napoletane.
Prima l'1-1 su calcio d'angolo, liberissimo nel cuore dell'area. Poi lo svarione tra Albiol in ripiegamento e Rafael in uscita ha spalancato la porta al centravanti dei baschi per il 2-1 a porta vuota.
Come se non bastasse, l'immediato 3-1 con dormita di Maggio su un fuorigioco non segnalato e Ibai Gomez cinico nel chiudere la partita.
Nel primo tempo gli spagnoli avevano mantenuto il predominio del gioco, ma il Napoli, più o meno, è riuscito a contenere gli attacchi dell'Athletic che si è reso pericoloso solo in un paio di circostanze.
JORGINHO FUORI GIRI. Benitez nella prima frazione di gioco ha sofferto per l'inconsistenza di alcuni suoi giocatori che sono apparsi spaesati, senza mai riuscire a entrare nel vivo del gioco.
Jorginho, per esempio, avrebbe dovuto dettare i temi dell'azione per la sua squadra, ma non l'ha fatto.
Per non parlare della parte difensiva del suo compito, quello di presidiare, assieme a Gargano, l'area di rigore per dare una mano alla difesa.
Gli esterni Callejon e Mertens, poi, sono stati irriconoscibili: costretti a rincorrere gli avversari di fascia, non si sono resi utili né in fase difensiva né in quella offensiva.
QUARTA ELIMINAZIONE IN CINQUE ANNI. L'eliminazione degli azzurri ha confermato la tendenza delle squadre italiane a trovare difficoltà nei play off di Champions.
In cinque anni, da quando sono stati istituiti, solo il Milan è riuscito nella passata stagione a qualificarsi. Eliminate, invece, Fiorentina, Sampdoria, Udinese e anche il Napoli.

Arsenal, Malmoe, Leverkusen e Ludogorets qualificate

Cosmin Moti nelle inedite vesti da portiere.

Arsenal, Malmoe, Leverkusen e Ludogorets oltre all'Athletic Bilbao sono le ultime squadre qualificate per la fase a gironi della Champions league 2014-15.
I londinesi hanno superato 1-0 i turchi del Besiktas (andata 0-0); la formazione svedese ha battuto il Salisburgo 3-0 (all'andata 1-2), il Bayer ha schiantato il Copenaghen 4-0 (3-2 all'andata), e il Ludogorets ha avuto la meglio sulla Steaua Bucarest 6-5 ai calci di rigore dopo che i tempi regolamentari e i supplementari erano terminati 1-0 per i bulgari (all'andata 0-1).
MOTI DIFENSORE PARA RIGORI. Tra le partite spicca la rocambolesca qualificazione del Ludogorets, passato ai rigori contro la Steaua Bucarest.
L'eroe della serata è stato il difensore dei bulgari (rumeno) Cosmin Moti che per necessità (il portiere Stojanov è stato espulso allo scadere dei tempi supplementari ed erano già state effettuate le tre sostituzioni) ha indossato i guanti e si è sostituito al numero uno titolare con risultati efficaci: prima ha segnato il suo rigore, poi ne ha parati due alla Steaua.

Correlati

Potresti esserti perso