Giacomo Bonaventura 140901223715
ULTIMI BOTTI 1 Settembre Set 2014 2237 01 settembre 2014

Calciomercato novità: Bonaventura al Milan, Guarin resta all'Inter

Bonaventura rossonero, Amauri va al Toro: Falcao-Utd.

  • ...

Giacomo Bonaventura in azione contro il Verona.

È stato il Milan l'autentico mattatore delle ultime 24 ore di calciomercato, che hanno visto Adriano Galliani intessere trattative una dopo l'altra tra i corridoi dell'Ata Quark hotel. Alla fine, l'amministratore delegato rossonero ha condotto in porto l'operazione migliore di giornata, aggiudicandosi per appena 5 milioni più bonus l'estroso esterno atalantino Giacomo Bonaventura, fino al giorno prima nei radar dell'Inter.
TUTTA COLPA DI ZACCARDO. Una trattativa allestita in fretta e furia dopo il clamoroso dietrofront di Christian Zaccardo, che ha fatto saltare l'approdo in rossonero di Jonathan Biabiany, rimasto suo malgrado a Parma nonostante su Twitter fossero già comparse le prime istantanee che lo ritraevano avvolto da una sciarpa milanista.

Il tweet del Milan che, per pochi minuti, ha annunciato l'acquisto di Biabiany.

Un'ufficialità sfumata in maniera clamorosa, che non ha tuttavia impedito a Pippo Inzaghi di esultare per gli affari dell'ultim'ora, visto anche lo sbarco in Italia (seppur in prestito secco) di Marko Van Ginkel dal Chelesea. Per Bonaventura contratto fino al 2019 e possibilità di giocarsi una maglia da titolare coi vari Honda, Menez ed El Shaarawy.

L'Atalanta ha subito tamponato l'uscita del proprio centrocampista con l'acquisto dell'Argentino Alejandro 'Papu' Gomez, ex Catania, al rientro in Italia dopo la sfortunata parentesi al Metalist Kharkiv: pronto per lui un triennale.
CRISTANTE AL BENFICA, TIFOSI FURIOSI. L'iperattivismo del Milan, tuttavia, è costretto a fare pure i conti pure con la rabbia dei propri tifosi, vista la cessione al Benfica del baby prodigio Bryan Cristante, centrocampista dal sicuro avvenire lasciato andare a titolo definitivo per soli 6 milioni e già sbarcato in Portogallo per stringere la mano a un grande ex rossonero, quel Manuel Rui Costa attuale direttore sportivo dei lusitani.

Falcao alla corte di van Gaal: la Juve a bocca asciutta

Radamel Falcao.

Le altre big della Serie A sono rimaste a guardare nelle ultime, frenetiche ore di trattative. La Juventus ha visto tramontare definitivamente il sogno Radamel Falcao, acquistato, un po' a sorpresa, dal Manchester United di Louis van Gaal, dopo che il suo nome era stato accostato a Real Madrid, Manchester City e Arsenal. Le prime cifre parlano di un prestito oneroso da 8 milioni e da riscatto a 55 (12 netti quelli promessi al giocatore).
Niente da fare nemmeno per il 'Chicharito Hernandez', scelto dal Real Madrid come vice Karim Benzema alla 'modica' cifra di 22 milioni. Un'occasione in più per Kingsley Coman di ritagliarsi uno spazio in prima squadra dopo l'ottimo esordio di Verona e convincere Max Allegri di poter dar manforte a Tevez, Llorente, Morata (ormai pronto dopo l'infortunio subito all'inizio della preparazione) e Giovinco.
YANGA-MBIWA COMPLETA LA DIFESA DI GARCIA. La Roma, dal canto suo, dopo aver annunciato in mattinata il tesseramento del poderoso centrale difensivo centrafricano Mapou Yanga-Mbiwa, ha provato fino all'ultimo a strappare il talentino francese Adrien Rabiot al Paris Saint Germain. Niente da fare, se ne riparlerà a gennaio. L'Inter, invece, ha tentato invano di piazzare Fredy Guarin in Spagna, ma né il Valencia né il Real Madrid, interessato al prestito del colombiano, sono riusciti a convincere gli uomini di Thohir, disposti unicamente a trattare una cessione a titolo definitivo.
RICHARDS DAL CITY A FIRENZE. Decisamente più attive Fiorentina e Torino. I viola hanno strappato al Manchester City l'esperto difensore Micah Richards, completando poi l'organico con l'ex granata e Sassuolo Jasmin Kurtic.
EL CONEJO SAVIOLA PER IL VERONA. Ventura, dal canto suo, proverà a dimenticare la partenza di Alessio Cerci (l'Atletico Madrid per lui ha sborsato 14 milioni più bonus) con l'acquisto di Amauri dal Parma, pronto a formare una coppia d'attacco dal vecchio sapore bianconero con Fabio Quagliarella. I ducali avrebbero voluto sostituire l'italo-brasiliano con Sergio Floccari, ma l'operazione non è andata in porto. Donadoni si è così dovuto accontentare di Paolo De Ceglie, in arrivo dalla Juve. Colpaccio, infine, del Verona, che dopo Rafa Marquez si è assicurato un altro ex blaugrana, il 32enne attaccante argentino Javier Saviola, vero e proprio nome a sorpresa delle ultimissime ore di mercato.

#Calciomercato Tweet

Correlati

Potresti esserti perso