Motori 10 Settembre Set 2014 1555 10 settembre 2014

Toyota Verso 1.6, giapponese dal cuore teutonico

  • ...

Dopo l'aggiornamento del 2013, la Toyota Verso – monovolume a sette posti di medie dimensioni (è lunga 444 cm) – è ora disponibile anche con il 1.6 turbodiesel (Euro 5) di origine BMW che rappresenta il primo risultato della nuova collaborazione tecnica fra i due marchi, siglata nel 2011. Il nuovo motore non ha mandato in pensione gli altri propulsori a gasolio che equipaggiavano la Verso (il 2.0 da 124 CV e il 2.2 da 150), e affianca le due unità a benzina (il 1.6 con 132 CV e il 1.8 da 147, con cambio a variazione continua). GiornaleMotori.it ha provato l'allestimento Active, in vendita a 26.500 euro che montava anche il navigatore (optional a 750 euro); di serie, invece, i cerchi in lega di 16”, il sistema multimediale Toyota Touch 2 con schermo tattile da 6,1″, e la telecamera posteriore. La versione base a 24.800 offre di serie sette airbag, climatizzatore, radio, fendinebbia e sette posti; la più ricca (Style a 28.500 euro) include nel prezzo anche i cerchi in lega di 17”, i fari bixeno e il tetto panoramico. INTERNI SOBRI, TARGET LA FAMIGLIA Essendo una vettura nata per la famiglia, la Verso ha un abitacolo che punta tutto sulla praticità, senza particolari concessioni all'estetica. Così gli interni in tessuto a qualcuno potranno sembrare anonimi, ma la loro qualità non è certo in discussione; lo stesso vale per le plastiche, molto piacevoli al tatto. Ovviamente abbondano i vani: sotto il bracciolo del guidatore trovano posto anche bottiglie da 1,5 litri, ci sono due piccoli scomparti ai lati della console centrale per sistemarvi cellulari, lettori mp3 e piccoli oggetti (sulla destra si trovano anche gli ingressi Aux e Usb dell'impianto audio: posizione un po' scomoda da raggiungere). Davanti alle ginocchia del passeggero si trovano due cassetti; quello superiore è refrigerato dall'impianto di climatizzazione (bi-zona e molto efficiente nella vettura provata). Nuovo è il display da 6,1 pollici touch-screen, ben dimensionato e intuitivo nell'utilizzo; il navigatore ha anche la funzione Google street view che permette di visualizzare una foto del luogo di arrivo e informarsi sui parcheggi disponibili. Il bagagliaio ha una soglia bassa (a soli 68 cm) e una capienza che va dai 178 (con sette posti) ai 1.696 litri (solo due posti anteriori); sotto il piano del bagagliaio trova posto la barra della cappelliera quando si usano i 7 posti (i due della terza fila sono adatti solo a persone di bassa statura, però). [gn_jcarousel source="cat=%blog%" ] POCO VIVACE MA SILENZIOSO Tra le doti della Verso a gasolio non rientra certo la ripresa offerta dal propulsore: il 1.6 è perfetto per la monovolume giapponese, non è vivacissimo ma abbastanza pronto ai medio-bassi regimi e silenzioso, tanto che si avvertono alcuni fruscii aerodinamici a velocità autostradali. Ma è proprio in autostrada che la sesta marcia, di assoluto riposo per privilegiare i consumi, obbliga a scalare una o due marce per ottenere un po' di brio se occorre fare un sorpasso. L'invito implicito, insomma, è adottare una guida rilassata, senza troppe velleità sportive. A ogni modo, i 12,7 secondi dichiarati dalla Casa per lo 0-100 km/h ci sono sembrati plausibili. Bene lo stop&start, di serie, che riavvia il motore senza vibrazioni fastidiose (il motore si riavvia anche girando leggermente il volante). Infine, i consumi: il computer di bordo riportava una media nel test di 15 km/l. In definitiva, la Toyota Verso conferma il suo posto tra le migliori monovolume compatte e con sette posti reali, tra le quali è anche la seconda più corta: fa meglio solo la Fiat 500 L Living, che è lunga 9 cm in meno.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso