Bolelli Fognini 140913215614
TENNIS 13 Settembre Set 2014 1730 13 settembre 2014

Coppa Davis, doppio azzurro da applausi: Svizzera-Italia sul 2-1

Bolelli e Fognini battono Wawrinka e Chiudinelli. Il 14/9 due singolari.

  • ...

Fabio Fognini e Simone Bolelli.

Grande vittoria azzurra in cinque set: Simone Bolelli e Fabio Fognini hanno tenuto in vita almeno fino a domenica 14 settembre l'Italia nella semifinale di coppa Davis contro la Svizzera.
La coppia ha battuto Stanislas Wawrinka e Marco Chiudinelli in cinque set, col punteggio di 7-5 3-6 5-7 6-3 6-2, in poco meno di quattro ore.
L'Italia è ora sotto 2-1 con la Svizzera, che deve dunque attendere ancora 24 ore per provare a raggiungere la sua prima finale di Davis dal 1992, la seconda in assoluto.
TORNA PERÒ FEDERER. Sono favoriti, potendo contare nuovamente su Roger Federer - che ha preferito riposare e saltare il doppio - e su Stanislas Wawrinka per un eventuale quinto e decisivo match.
Ma questa vittoria ha dato grandissima fiducia e morale a Fabio Fognini, che domenica a mezzogiorno ha l'improbo compito di sfidare Federer di fronte al suo pubblico, per salvare le sorti della squadra azzurra.
Il punto portato a casa in questo doppio rimane comunque memorabile.
COPPIA DI LIVELLO MONDIALE. Di fronte agli oltre 15 mila spettatori del Palaexpo ginevrino (in tribuna, a tifare Italia anche il presidente del Coni, Giovanni Malagò e Flavia Pennetta, fidanzata di Fognini), Bolelli e Fognini hanno dimostrato di essere una coppia di livello mondiale.
Hanno vinto il primo set con un break chirurgico nel 12esimo gioco, dopo un parziale dominato dai servizi.
FANTASTICA REAZIONE AZZURRA. La netta flessione che è costata agli azzurri secondo e terzo set, decisi entrambi da un unico break, è stata cancellata dalla fantastica reazione che li ha portati a pressoché dominare quarto e quinto.
Con il terzo set perso in volata con un break subito sul 5-5, le nostre sorti sembravano segnate.
Ma il turno di servizio strappato a Wawrinka sul 3-2 del quarto set, con una splendida stop volley di Bolelli, ha fatto decollare il livello di gioco degli azzurri.
Conservato e capitalizzato il break senza ulteriori scossoni, gli azzurri hanno iniziato il parziale decisivo con piglio ben più determinato della coppia svizzera.
QUATTRO PALLE BREAK ANNULLATE. Hanno conquistato il break decisivo nelle fasi iniziali del quinto: fondamentale subito dopo la difesa del turno di servizio di Fognini sul 2-1, con quattro palle break annullate agli svizzeri.
Da lì la partita è stata in discesa, con gli azzurri pronti ad approfittare della confusione della coppia svizzera.
Un altro break conquistato sul 2-4 ha poi definitivamente chiuso la partita. «Sono un po' stanco», ha ammesso Fognini. «Vincere questo match, anche se Federer non giocava era molto importante per noi. Sono soddisfatto per la mia prestazione, ho servito molto meglio rispetto a ieri. Il clima di squadra mi aiuta. Con Corrado ci becchiamo spesso, ma lo facciamo perchè abbiamo un obiettivo comune. E con Simone mi trovo benissimo, sia dentro che fuori dal campo».
BOLELLI: «PIÙ DURA RISPETTO A IERI». Contento anche Bolelli: «È stata ancora più dura rispetto a ieri, perché abbiamo giocato a nervi tesi, senza appello. Perdere avrebbe significato abbandonare ogni speranza. Io il migliore in campo? Non credo, anch'io ho avuto i miei alti e bassi. Quando giochiamo bene entrambi siamo competitivi, ma oggi non penso di essere stato superiore a Fabio».
Soddisfatto capitan Barazzutti: «Sono contento della prestazione ma soprattutto della reazione. Venivamo da una giornata difficile, ma abbiamo confermato di essere una squadra competitiva, giunta con merito in semifinale. Adesso ce la giochiamo fino all'ultimo».

Correlati

Potresti esserti perso