Adrian Peterson 140916002502
FOOTBALL USA 16 Settembre Set 2014 0026 16 settembre 2014

Nfl, Adrian Peterson si scusa per aver picchiato il figlio

Il running back dei Vikings Adrian Peterson: «Non volevo fargli male».

  • ...

Adrian Peterson, running back dei Minnesoata Vikings.

È stato arrestato per aver picchiato e ferito il figlio di quattro anni con un ramo d'albero. Adrian Peterson, running back della squadra di footbal americano Minnesota Vikings, ha chiesto scusa: «Mi dispiace per il dolore che ho causato a mio figlio».
REINTEGRATO IN SQUADRA. Il giocatore della Nfl è stato reintegrato dalla squadra dopo essere stato sospeso: «Non sono un figlio perfetto. Non sono un genitore perfetto. Non sono un padre perfetto, ma non sono, senza dubbio, un picchiatore di bambini», si legge in un comunicato di 500 parole.
«Sono una persona che non aveva intenzione di provocargli ferite. Nessuno può capire il dolore che provo per mio figlio e il danno che ho causato. Il mio obiettivo è sempre quello di insegnargli a capire il bene dal male e questo è quello che ho cercato di fare quel giorno».
«VOLEVO SOLO SCULACCIARLO». Anderson si è costituito il 13 settembre dopo il mandato di arresto spiccato nei suoi confronti. Alla polizia ha spiegato che voleva solo «sculacciare» il figlio, «usando la stessa disciplina che ha conosciuto quando da bambino è cresciuto in Texas». Il giocatore doveva presentarsi in tribunale il 17 settembre, ma l'udienza è stata rinviata all'8 ottobre.

Correlati

Potresti esserti perso