Motori 16 Settembre Set 2014 1017 16 settembre 2014

Mille chilometri nel segno di Nivola

  • ...

È tutto pronto per il Gran Premio Nuvolari. La gara di regolarità per auto storiche, giunta alla 28ª edizione, è in calendario dal 18 al 21 settembre 2014. Mille i chilometri della corsa, da coprire nell'arco di tre giorni, con il passaggio in due autodromi e l’attraversamento di diversi centri storici. Un giusto omaggio a Nivola, che si ripete anno dopo anno. Un asso delle quattro ruote che ha nel suo palmarès 141 vittorie, che Enzo Ferrari definì «il più grande di tutti» e Ferdinand Porsche «il più grande pilota del passato, del presente, del futuro». LA PARTENZA DALLA SUA CITTÀ La gara, attesa da un pubblico entusiasta di collezionisti e appassionati, è organizzata da Mantova Corse, Aci Mantova e dal Museo Tazio Nuvolari, ed ha una formula che unisce competizione sportiva e piacere turistico di visitare alcuni dei luoghi più affascinanti d’Italia. La gara inizierà dalla centralissima piazza Sordello di Mantova, città natale di Tazio Nuvolari, proprio di fronte al Palazzo Ducale dei Gonzaga. Da qui, gli equipaggi percorreranno le strade della Bassa Padana e le strade di Modena, fino all'autodromo di Imola, transitando all'interno di un circuito che, fino a pochi anni fa, è stato teatro di duelli che hanno fatto la storia della Formula Uno. Il percorso della prima giornata si concluderà poi a Cesenatico. [gn_jcarousel source="cat=%blog%" ] TRA COLLINE E CENTRI STORICI La seconda tappa, quella di sabato 20, sarà più impegnativa, visto che il percorso si snoda attraverso le zone collinari di Emilia Romagna, Umbria, Toscana e Marche. Diverse saranno le prove di abilità e le curve da affrontare: in particolare, si preannuncia suggestivo il passaggio delle auto storiche per Urbino, in un saliscendi tra vicoli tortuosi di epoca rinascimentale. La giornata proseguirà con il passaggio delleauto storiche da Città di Castello, Castiglion Fiorentino e Lucignano, ma offrirà anche gli immancabili passaggi da piazza del Campo a Siena e poi da piazza Grande ad Arezzo, con il ritorno in Romagna alla sera, sul traguardo di Rimini. La domenica mattina, gli equipaggi guideranno lungo l'Adriatrica in direzione di Ravenna, per poi rientrare nell'entroterra fino ad Imola, dove faranno un nuovo passaggio nell'autodromo, prima di dirigersi verso Ferrara. Qui affronteranno le prove del circuito del Castello Estense, proprio nel centro storico della città. La gara si concluderà con il ritorno a Mantova dove, dopo il passaggio sul ponte San Giorgio, taglieranno il traguardo in piazza Sordello. AUTO STORICHE DAL 1924 AL 1969 Il Gran Premio Nuvolari affonda le sue radici nella Mille Miglia: gli organizzatori, colpiti dalla morte di Nuvolari avvenuta nel 1953, decisero di modificarne il percorso l'anno successivo, facendolo passare da Mantova. Per le prime quattro edizioni, la vittoria andava al pilota più veloce sui lunghi rettilinei della pianura padana, in un percorso che partendo da Cremona e transitando per Mantova, terminava a Brescia. L’evento è rinato poi come rievocazione nel 1991 ed oggi è  una manifestazione di primissimo rilievo nel mondo delle classic cars. Che si distingue nel panorama italiano e internazionale per il numero e la qualità delle prove cronometrate, che sono pensate per testare sotto ogni profilo le capacità dei concorrenti. All'edizione 2014 parteciperanno 269 equipaggii, alla guida di vetture storiche costruite dal 1924 al 1969. Le auto più antiche iscritte alla competizione sono una Fiat 501 S Corsa e una Buick Speedster, entrambe del 1924, appunto, mentre tra le vetture più «giovani» spiccano esemplari di Fiat Dino, Alfa Romeo Duetto e Jaguar E-Type. Nella galleria di Giornale Motori, alcune delle protagoniste del Gran Premio Nuvolari 2014.

Correlati

Potresti esserti perso