Motori 19 Settembre Set 2014 1114 19 settembre 2014

Come fare passaggio di proprietà di auto per decesso

Se per caso si verifica il decesso dell’intestatario di un veicolo, la normativa vigente prevede espressamente l’obbligo di trascrivere il passaggio di proprietà; ossia l’intestazione agli eredi di tutti i veicoli (che siano essi auto, moto o camper. In definitiva: tutti quelli che il defunto aveva intestato al PRA (Pubblico Registro Automobilistico). Invece, i ciclomotori (inferiori a 50 cc di cilindrata) non sono soggetti a trascrizione al PRA.

  • ...

Carta di circolazione autovettura Se per caso si verifica il decesso dell’intestatario di un veicolo, la normativa vigente prevede espressamente l’obbligo di trascrivere il passaggio di proprietà; ossia l’intestazione agli eredi di tutti i veicoli (che siano essi auto, moto o camper). In definitiva: tutti quelli che il defunto aveva intestato al PRA (Pubblico Registro Automobilistico). Invece, i ciclomotori (inferiori a 50 cc di cilindrata) non sono soggetti a trascrizione al PRA. Vediamo, ora, brevemente cosa dice la normativa vigente. L’art. 94 del Codice della Strada (al primo comma) afferma testualmente: “In caso di trasferimento di proprietà degli autoveicoli, motoveicoli e rimorchi o nel caso di costituzione dell'usufrutto o di stipulazione di locazione con facoltà di acquisto, il competente ufficio del PRA, su richiesta avanzata dall'acquirente entro sessanta giorni dalla data in cui la sottoscrizione dell'atto è stata autenticata o giudizialmente accertata, provvede alla trascrizione di trasferimento o degli altri mutamenti indicati, nonché all'emissione e al rilascio del nuovo certificato di proprietà”. È opportuno ricordare che la sanzione prevista nel caso di mancato rispetto di tale passaggio è quella di una specifica sanzione amministrativa corrispondente al pagamento di una somma da euro 653 a euro 3.267.

Correlati

Potresti esserti perso